IL RICCO, IL CAMMELLO E LA CRUNA DELL’AGO

L’ennesima crisi del sistema economico capitalista, che strutturalmente procede per crisi e tentativi di rimettersi in piedi sempre sulle stesse instabili zampe, questa volta ci viene presentata con maggiori sintomi di gravità, prospettando una pandemia che si espande in gran parte del mondo occidentale, generando paure e angosce di sopravvivenza.

Quest’ansia ci spinge a cercare di comprendere quello che accade, portandoci con fatica a ricordare che tutto questo è già accaduto, e che con molta probabilità continuerà ad accadere finché non cambieranno gli schemi interpretativi, culturali e psichici, della relazione dell’uomo con il suo contesto ambientale, per poter realizzare finalmente un sistema economico che sia funzionale con l’etica della sopravvivenza umana. Il voler comprendere però si scontra con un sistema culturale ormai di carattere globale, che non ha contendenti e che è divenuto una religione senza un dio trascendente, creando sacerdoti, fedeli e e un gruppuscolo di eretici.

Le basi di questa religione sono antiche, Weber nel suo “L’etica protestante e lo spirito del capitalismo” mette in risalto come la religione calvinista, con la sua predestinazione e il significato di valore assoluto della ricchezza, sia una base culturale importante per lo sviluppo del modello economico capitalista, che poi nel tempo sviluppa la sua etica di sfruttamento di ogni risorsa disponibile e di libero arbitrio economico.

L’etica capitalista è l’unica rimasta in piedi nel mondo occidentale e in quello limitrofo dalle ceneri culturali del secolo scorso, e trionfa ormai in tutto il mondo con la sua visione farneticante di un progresso fatto di sfruttamento continuo delle risorse, di produzione e consumo di merci sempre più inutili divenute feticci significanti del valore personale, di delirio di controllo totale sul mondo naturale grazie alla forza irresistibile della patologica capacità umana di accaparrare beni a discapito degli altri.

Dietro quest’etica c’è si un significato filosofico, culturale e religioso, ma, come in tutte le cose umane, c’è soprattutto un’origine psicologica che nasce dalla paura, quella del vivere e del morire, che trova risposta compensatoria nella sicurezza protettiva della ricchezza.

L’angoscia del nostro destino minacciato da previsioni catastrofiche ci fa porre l’attenzione sulle proposte di soluzione offerte dai taumaturghi chiamati al capezzale della crisi. Questi troppo spesso non sono altro che membri della stessa chiesa, che dopo aver generato il disastro, offrono indulgenze in cambio dei soliti sacrifici, sempre degli stessi. E così i più miseri fedeli, sempre disprezzati per il loro insignificante valore economico, che nella religione capitalista è valore assoluto, sono ora richiamati a sostenere le sorti di quel sistema che continuerà, una volta risollevato in attesa della prossima crisi, a disprezzarli e a sfruttarli.

Le religioni, a differenza degli ideali che richiedono responsabilità e partecipazione, sono immuni da critiche e da valutazioni razionali, rimanendo intatte nonostante le catastrofi generate. Fondano la loro essenza sul bisogno umano di trascendere l’angoscia dell’esistere, creando enti supremi infallibili e deresponsabilizzanti che chiedono solo dogmatica venerazione.

Ma i sistemi religiosi, immutabili nei loro principi anche nei momenti di crisi, possono vivere delle contradizioni quando si mescolano modelli di valore apparentemente inconciliabili. L’etica cattolica, e quella cristiana non calvinista, soffre generando crisi di valori nel dover sopprimere i suoi significati primordiali in conseguenza della venerazione del capitalismo. “La ricchezza non è peccato” dice il ricco nuovo vate del risorgimento economico italiano nel salotto accondiscendente della tivvù, ma un eco si riverebera nelle incoscienze ammaliate dei suoi discepoli, “E’ più facile che un cammello…”

Articoli correlati

  • TUTTI GIU’ PER TERRATUTTI GIU’ PER TERRA Diciamocelo chiaramente, non ci si ammazza per la "crisi", altrimenti la specie umana sarebbe già estinta tra gli orrori che ha attraversato. Si muore per disperazione etica, quando il significato del vivere è costretto in limiti morali […]
  • CECITÀCECITÀ Pregio dell'arte non è, come spesso s'immagina, di creare qualcosa dal nulla, ma è quello di far vedere quello che c'è e che non si riesce a vedere. Nel bellissimo romanzo di José Saramago "Cecità" la gente improvvisamente perde la vista, […]
  • UMANO E DISUMANO: IL NUOVO PATTO SOCIALEUMANO E DISUMANO: IL NUOVO PATTO SOCIALE La violenza esplosa a Parigi ha invaso d'orrore e d'emotività tutte le coscienze coinvolte, dando origine, come accade sempre in questi casi, al tentativo di catarsi emozionale volto a recuperare lo spazio mentale inondato dalla paura. Ma […]
  • LA GRANDE CAROGNALA GRANDE CAROGNA Tonino ha quindici anni e a pallone gioca da dio. Gioca su un campetto tutto polvere e reti strappate in una qualsiasi periferia di Napoli. Ma quando ha la palla tra i piedi gli pare di stare al San Paolo e le voci degli spalti gremiti […]
  • PREVENIRE LA PREVENZIONE DEL SUICIDIOPREVENIRE LA PREVENZIONE DEL SUICIDIO Se immagino un evento drammatico, come appunto il suicidio, o ammazzare un rivale, il capoufficio, o strangolare un figlio rompiballe, spesso risolvo la spinta aggressiva. Confondiamo le nostre fantasie che utilizziamo per risolvere i […]
  • SERVIZIO SOCIALE DI PSICOTERAPIASERVIZIO SOCIALE DI PSICOTERAPIA L'AIPEP, Associazione Italiana Psicologia e Psicoterapia ONLUS, editore di Psicologiaradio.it, rende attivo dal 11 marzo 2013 il Servizio Sociale di Psicoterapia, un'iniziativa che offre supporto psicoterapico gratuito alle persone con […]
  • LA MANIPOLAZIONE: BERNAYS E GLI PSICOMARCHETTARILA MANIPOLAZIONE: BERNAYS E GLI PSICOMARCHETTARI Uno dei più importanti manipolatori della storia moderna, che ha utilizzato la psicologia al servizio degli interessi dei gruppi di potere nell'economia e nella politica, è stato Edward Louis Bernays, nipote di Freud, contribuendo in […]
  • IL GRANDE BLUFFIL GRANDE BLUFF La pseudostoria, il racconto dei fatti nel tempo dell'informazione controllata dall'editore unico globale, la pubblicità, riporta false realtà dalle quali si realizzano le rappresentazioni del mondo dei sudditi della dittatura […]
Share