SE IL CIRCO E’ SOCIALE

Circomondo è il Festival Internazionale di Circo Sociale con giovani artisti di tutto il mondo che si è svolto a Siena dopo Capodanno. Promotrice è Carretera Central, Associazione di volontariato e Cooperazione Internazionale di Siena.

Ne’ strass, ne’ luccichii. Niente rulli di tamburi, calze a rete, cappelli a cilindro e paillettes. E chi si aspettava il venghino venghino siore e siori, si ritrova invece davanti a facce quasi più, quasi meno, che adolescenziali, tute da ginnastica, piedi scalzi, il gesto tremolante di un giocoliere che si fa scappare un birillo ribelle. E poi scugnizzi napoletani che transitano su palloni roteanti e ti lanciano addosso un gergo potente e inquietante, fratelli brasiliani che si librano di qui di li’ come gazzelle africane. I sorrisi che arrivano da questi giovani circensi, anche se imposti dallo show che must go on, riescono a restituire la spontaneità espressiva di una generazione così giovane che, si vede, non ha ancora imparato a fingere.

Eccolo qua il CircoMondo, il Circo del Mondo che raccoglie i figli della strada, delle peggiori strade del mondo, li pesca a Casal di Principe nel napoletano per strapparli alla camorra, li raccoglie tra le favelas, tra le macerie israelo-palestinesi, li scova in quegli angoli bui del mondo dove in fondo non è neanche tanto vero che non hanno un futuro: ce l’hanno eccome il futuro. Il futuro è lì che aspetta di affondargli le unghie addosso, riservandogli posti di lavoro ben sicuri: spaccio e microcriminalità, tanto per iniziare, e poi baby-eserciti africani, prostituzione…

Si chiama Circo sociale. E’ sociale, lo dicono gli educatori professionali che accolgono e istruiscono questa infanzia, perchè questo metodo-circo viene “usato” come strategia di avvicinamento all’infanzia, come formazione sociale, come strumento per costruire  fiducia, autostima, attraverso il gioco che presentato così, restituisce l’infanzia ai bambini delle terre in guerra, ai bambini cittadini solo dei campi profughi, ai bambini prigionieri delle marginalità urbane.

Ed è anche molto sociale andare a vederlo il Circo Mondo, che ha bisogno del suo pubblico, che sia lì a ratificare i risultati raggiunti, che diventi ideale interlocutore e compagno di questi figli e fratelli della strada. Un pubblico che non può porsi solo come spettatore gaudente,  anzi deve accettare come dietro la leggerezza visiva dello spettacolo si annidino significati che rimandano alla tragedia della storia, come quella valigia di cartone che viaggia da un capo all’altro dell’arena circense facendo tappa su certe date miliari, dalla nascita dello stato israeliano alla prima intifada, senza risparmiarti poi il riferimento al sangue versato. O il bambino addormentato-dimenticato tra i sacchi neri della spazzatura nostrana.

Circomondo si riproporrà ancora, con grande probabilità tra due anni, per aspirare a diventare un appuntamento consolidato, un re-incontro istituzionale, così anticipa Adriano Scarpelli, di Carretera Central associazione organizzatrice del Festival Internazionale Circomondo, per dare spazio alle tantissime realta’ di circo sociale sparse in tutti i continenti del mondo. Secondo i programmi, tra due anni potrebbero arrivare a Siena il circo sociale del Congo che impiega gli ex bambini soldato e il circo sociale dell’Afghanistan, che offre ai bambini afghani uno sfogo ludico e pedagogico, alternativa ad una realtà di guerra e povertà.

Hanno partecipato al Circomondo Festival di Siena 2012:
Scuola di Circo Sociale ‘Crescer e viver’, attivo nelle aree piu’ degradate di Rio de Janeiro da quindici anni con circa 6 mila bambini strappati all’umiliazione delle favelas. Al momento il circo coinvolge circa 250 ragazzi. www.crescereviver.org.br
Cooperativa sociale Il Tappeto di Iqbal, dal ’99 sul territorio di Napoli e provincia per il recupero dei ragazzi drop out. www.iltappetodiiqbal.it
The Palestinian Circus School, dal 2006 opera in Cisgiordania, Ramallah, Hebron, Jenin per restiture autostima alle generazioni umiliate dall’occupazione israeliana. www.palcircus.ps
Scuola di Circo Corsaro attivo a Scampia (Na) raccoglie circa 90 frequentatori da Napoli centro, Scampia e dai campi Rom. www.circocorsaro.it
Circo Social del Sur di Buenos Aires, attiva programmi di formazione anche nell’entroterra argentino. www.circosocialedelsur.org.ar

Per sapere tutto di Circomondofestival:
http://www.circomondofestival.it
http://www.eilmensile.it/2012/01/11/circomondo-il-videoreportage/
Puoi vedere ancora il Circomondo su:
http://www.youtube.com/user/circomondofestival
http://www.flickr.com/photos/circomondofestival/
http://www.circomondofestival.it/contatti/ufficio-stampa/rassegna-stampa/

 

 

Articoli correlati

  • VACLAV HAVEL – L’UOMO DI VELLUTO – MUŽ NEŽNEJ REVOLÚCIEVACLAV HAVEL – L’UOMO DI VELLUTO – MUŽ NEŽNEJ REVOLÚCIE "Non è un dialogo come l'altro. Esistono i dialoghi corti e lunghi. Esistono i dialoghi profondi e superficiali. Esistono i dialoghi unici e quelli ripetibili. Esistono i dialoghi "una volta e basta" ed i dialoghi come un romanzo da […]
  • L’EDITORIALE: DELIRIO E VIOLENZEL’EDITORIALE: DELIRIO E VIOLENZE I pazzi non uccidono da soli, uccidono meglio se interpretano un delirio di rappresentanza sociale. I fatti sanguinosi di Firenze e di Torino meritano un ossequio per le vittime, ma anche per noi che osserviamo sempre più allibiti e inermi.
  • L’INCHINO DELL’INCHINOL’INCHINO DELL’INCHINO A ben debita distanza dalla tragedia, passa la Costa Serena, gemella della Concordia, ora prostrata, umiliata. Passa lontana, diligentemente lontana, a distanza di sicurezza dalla realtà. Ma passa, perché il business non si può fermare, e […]
  • MATTI COL BOTTOMATTI COL BOTTO Il tema della follia come stimolo di comprensione per i vari momenti di violenza agita nelle stragi d'innocenti che accompagnano l'attenzione mediatica di questi ultimi tempi, per lo più dedicata al cosiddetto terrorismo islamico, può […]
  • BEATO CHI CHIEDE SCUSABEATO CHI CHIEDE SCUSA L'onestà intellettuale, si sa, è di pochi. Ancora più rara quando riguarda uno studioso famoso in tutto il mondo per una ricerca che ha cambiato la vita di tanti omosessuali. In peggio.
  • LIBIA: PROFUGHI SCHIAVI PER BONIFICARE MINE LIBIA: PROFUGHI SCHIAVI PER BONIFICARE MINE “Una strage. Sembra quasi che debba accadere una strage per indurre ‘chi conta’ a intervenire. Non bastano i feriti e le vittime che, purtroppo, già ci sono stati”. Don Mussie Zerai, il presidente dell’agenzia Habeshia, trattiene a stento […]
  • PALESTINA E ISRAELE, LE LACRIME DELLA STORIAPALESTINA E ISRAELE, LE LACRIME DELLA STORIA Essere antisionisti, essere cioè contro le politiche genocidarie dello Stato di Israele, non significa essere antisemiti. L’accusa di antisemitismo contro le persone che criticano le politiche israeliane è ormai un’arma spuntata che […]
  • TUTTI GIU’ PER TERRATUTTI GIU’ PER TERRA Diciamocelo chiaramente, non ci si ammazza per la "crisi", altrimenti la specie umana sarebbe già estinta tra gli orrori che ha attraversato. Si muore per disperazione etica, quando il significato del vivere è costretto in limiti morali […]
Share