SI PUO’ MORIRE DI OMOFOBIA?

 

Eric James Borges, 19 anni e si è tolto la vita mercoledì nella sua casa in California.
Omosessuale, aveva raccontato di aver subito atti di bullismo e violenze piscologiche e fisiche anche da parte della famiglia. Diventato attivista del Trevor Project, lavorava per il sostegno psicologico agli adolescenti gay.

Lascia sconcertati scoprire che ancora oggi, nel 2012, in un paese “evoluto” quale gli Stati Uniti d’America, si muoia ancora di omofobia.

Sì, si muoia. Indirettamente, ma si muore ogni giorno così.

Eric James Borges, era un giovane gay di 19 anni, cresciuto in una famiglia cattolica ed estremamente conservatrice che, invece di proteggerlo da “pericoli” esterni, amarlo e accoglierlo così com’era, lo ha sempre oltraggiato e ferito in quanto perverso, disgustoso, contronatura e condannato all’inferno.

Quale dio ama solo alcuni dei suoi figli e rifiuta i figli non conformi? A cosa poi?
Eric ha subito per anni molestie e violenze, soprattutto a scuola dove era “visto” solo perché gay. Esisteva unicamente  come gay e quindi era “giusto” essere punito per questo. Tanto da abbandonare la scuola per portarla a termine da privatista.

Uno spiraglio di luce Eric l’ha avuto quando ha incontrato i volontari del Trevor Project, organizzazione americana che si batte per promuovere l’accettazione di giovani omo e transessuali e prevenire il suicidio di questi.

Non solo. Eric ha ripreso vita frequentando questo gruppo e iniziando a fare egli stesso volontariato con altri giovani nella sua stessa situazione.
Eppure, anche spingere altri a non mollare mai (come testimonia un suo video per il progetto on line It Gets Better), a non abbassare la testa, a non vergognarsi di quello che si è, non è bastato a salvare la sua di vita.

Potrà sembrare eccessivo o spiegabile banalmente con i moti dell’animo adolescenziale, ma arrivare al suicidio perché rifiutati in quanto omosessuali o transessuali è pari ad essere uccisi.

Doversi guardare sempre le spalle, vivere in perenne stato d’ansia, con il terrore di essere nuovamente presi in giro davanti a tutta la scuola o addirittura malmenati. Iniziando storielle con pseudo-fidanzatine solo per sembrare un po’ più etero ed essere lasciati in pace, a volte esagerando gli aspetti sessisti o eterosessisti per essere credibili, controllare ogni sguardo, ogni gesto, ogni parola, ogni intonazione di voce, ogni inflessione che possa tradire la propria vera essenza. No. Questo è l’inferno, non certo  quello prospettato dai genitori di Eric.

Le vittime di omofobia raccontano di disperazione e angoscia, paura e vergogna, depressione e desiderio di farla finita in quanto considerati perversi, malati, handicappati o anormali. Noi sappiamo invece che la malattia da curare è l’omofobia.
E tranquilli…si può guarire!

Paola Biondi

Articoli correlati

  • OMOFOBO A CHI?OMOFOBO A CHI? Sembra che da oggi ci sia una prova scientifica del detto popolare per cui chi odia i gay è un omosessuale represso. Come la mettiamo quindi con tutti i personaggi pubblici che fanno dichiarazioni offensive e omofobe?
  • #NOETEROSESSUALITA’, BRIVIDO NUOVO#NOETEROSESSUALITA’, BRIVIDO NUOVO Che succede quando i ruoli vengono ribaltati? Cosa si prova da eterosessuali a sentirsi rivolgere frasi comuni generalmente utilizzate per le persone omosessuali? E' quello che è successo qualche giorno fa su Twitter.
  • SIAMO TUTTI CASSANO… PURTROPPO!SIAMO TUTTI CASSANO… PURTROPPO! La solita cassanata che ha suscitato clamore e polemiche o il frutto di una cultura molto più diffusa di quanto crediamo? Forse anche questo è frutto di quella sottocultura di cui non ci accorgiamo neanche più...
  • SONO LESBICA E VOGLIO LA PENSIONESONO LESBICA E VOGLIO LA PENSIONE L'Inps utilizza un sistema di codici internazionale per stabilire e assegnare le invalidità, tra le quali compare anche l'omosessualità ego-distonica. Quindi pensione per tutte le persone omosessuali che non si accettano come tali?
  • OMOFOBIA: LA PIAGA SOCIALE MAI RISOLTA.OMOFOBIA: LA PIAGA SOCIALE MAI RISOLTA. "Sono gay, l'Italia è un Paese libero ma esiste l'omofobia e chi ha questi atteggiamenti deve fare i conti con la propria coscienza". Questo è il messaggio che un 21enne gay ha lasciato prima di uccidersi a Roma, in zona […]
  • L’OMOSESSUALITA’ E’ UNA COSA SERIA!L’OMOSESSUALITA’ E’ UNA COSA SERIA! Quanto può essere importante distinguere tra opininioni personali e dati scientificamente provati? E quanto l'opinione di professionisti può influire e condizionare le scelte di chi le ascolta, sopratutto se molto giovani? Foto di […]
  • L’IMPORTANZA DELLE PAROLEL’IMPORTANZA DELLE PAROLE "Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti!" diceva Nanni Moretti in un suo famoso film. E' importante utilizzare le parole giuste per una comunicazione corretta, adeguata. Soprattutto se a parlare sono personaggi […]
  • CAPI SCOUT SI, MA NON GAY!CAPI SCOUT SI, MA NON GAY! Un convegno sull'educazione e l'omosessualità di un gruppo cattolico suscita polemiche e discussioni contrapposte. Qual è il confine tra religione e scienza? E' giusto utilizzare stereotipi e pregiudizi come se fossero scientifici?
Share