L’INCHINO DELL’INCHINO

Così, come un inchino all’inchino. A ben debita distanza dalla tragedia, passa la Costa Serena, sorella gemella della fu Concordia, ora prostrata, umiliata. Passa lontana, diligentemente lontana. Ma passa, perché il business non si può fermare, e il sogno dei crocieristi neanche. Anzi, per questi sognatori del lusso, una chance in più: ecco laggiu’ in bella mostra il relitto sfortunato, nuova inquietante attrazione turistica. Dai ponti panoramici della Costa Serena deve quasi incutere timore reverenziale questo gigante agonizzante che prometteva divertimento e ha restituito morte. Chissà quante foto, quanti video da riportare a casa, come trofei di un safari marittimo privilegiato. Perché qui ci si deve divertire, e poco importa se bisogna farlo ballando su quelle stesse acque, ormai marciscenti, che ancora intrappolano cadaveri nel ventre buio della carcassa inviolata.

E’ che l’illusione di divertimento, come lo spettacolo, deve continuare, perché qui si tratta di illudersi di essere ricchi almeno per una settimana, con un pacchetto-vacanza pensato per far sentire élite le masse. Come si tratta di fingere di non vedere le condizioni di simil-schiavitù dei servitori di bordo, quelli a 3 euro l’ora che se si lamentano vengono scaricati al prossimo porto. Se tutto questo si dovesse vedere, che sogno sarebbe?

Ma a questo serve l’illusione, lì in mezzo al mare, in una dimensione sospesa, a distanza di sicurezza dalla realtà: tra ovest dove lentamente sprofonda la tragedia, ed est sulla terra ferma dove nel frattempo le altre masse, quelle civili, scendono in guerra per salvare quel po’ di salvabile che gli resta.

I reclusi della nave no, loro vogliono sognare. Umanità in scatola che il mondo lo vuole vedere solo dai ponti, quelli per cui il divertimento sta tutto dentro, quelli per cui il viaggio è la nave e non la meta, quelli che bramano inchinarsi al panorama, alle coste, allo sfarzo. Come la Concordia, che però si è inchinata un po’ troppo. Ed è precipitata nella realtà.

Articoli correlati

  • LA RETORICA DELLA CONCORDIALA RETORICA DELLA CONCORDIA Più di qualcuno ne ha fatto una metafora: il raddrizzamento della Costa Concordia come simbolo della capacità tutta italiana di “rinascere”. Quasi la dimostrazione che si stanno ritrovando lo spirito e la forza necessari per uscire dalla […]
  • IL NAUFRAGIO DELLA CONCORDIAIL NAUFRAGIO DELLA CONCORDIA Nel terribile evento del naufragio della nave Costa Concordia cerchiamo di capire, tra polemiche, responsabilità e atti di eroismo, le condizioni psicologiche dei superstiti e il sostegno loro offerto in relazione al trauma psichico […]
  • VACLAV HAVEL – L’UOMO DI VELLUTO – MUŽ NEŽNEJ REVOLÚCIEVACLAV HAVEL – L’UOMO DI VELLUTO – MUŽ NEŽNEJ REVOLÚCIE "Non è un dialogo come l'altro. Esistono i dialoghi corti e lunghi. Esistono i dialoghi profondi e superficiali. Esistono i dialoghi unici e quelli ripetibili. Esistono i dialoghi "una volta e basta" ed i dialoghi come un romanzo da […]
  • L’EDITORIALE: DELIRIO E VIOLENZEL’EDITORIALE: DELIRIO E VIOLENZE I pazzi non uccidono da soli, uccidono meglio se interpretano un delirio di rappresentanza sociale. I fatti sanguinosi di Firenze e di Torino meritano un ossequio per le vittime, ma anche per noi che osserviamo sempre più allibiti e inermi.
  • SE IL CIRCO E’ SOCIALESE IL CIRCO E’ SOCIALE Ne' strass, ne' luccichii. Niente rulli di tamburi, calze a rete, cappelli a cilindro e paillettes. E chi si aspettava il venghino venghino siore e siori, si ritrova invece davanti a facce quasi più, quasi meno, che adolescenziali, tute […]
  • CRITICARE A FIN DI BENECRITICARE A FIN DI BENE C'è una bella differenza fra un insulto e una critica: l'uno serve solo a distruggere, l'altra aiuta a costruire relazioni interpersonali sane. Se qualcuno che ci sta a cuore mette in atto dei comportamenti che ci infastidiscono non […]
  • L’ORRORE DEI PROFUGHI SCHIAVI IN UN DOSSIER L’ORRORE DEI PROFUGHI SCHIAVI IN UN DOSSIER Temesgen è un ragazzino eritreo di 15 anni. Per oltre tredici mesi è stato tenuto in schiavitù nel deserto dalla banda di predoni beduini che lo ha catturato mentre, fuggito da Asmara, varcato il confine e raggiunto il Sinai, stava […]
  • I SAN DELLA NAMIBIA, LA POVERTA’ DIVENTA APARTHEIDI SAN DELLA NAMIBIA, LA POVERTA’ DIVENTA APARTHEID Al villaggio si arriva da Grootfontein, una piccola città coloniale che sembra ferma a cent’anni fa, nel nord della Namibia, dopo circa 60 chilometri lungo la statale B8 e 90 di sterrato in mezzo al nulla, fino al posto di blocco […]
Share