GAZA DI NUOVO SOTTO ATTACCO DI ISRAELE

Come annunciato due mesi fa dai vertici militari Israele è tornato ad attaccare Gaza. Gli attacchi aerei israeliani  nelle ultime ore hanno ucciso altre tre persone, portando il numero dei morti a 21 in tre giorni. A riferirlo sono fonti mediche palestinesi che hanno segnalato  sei raid aerei nelle prime ore di ieri che hanno ferito 35 persone , e altre due incursioni nei pressi della città di Khan Younis, che hanno causato altri due morti e due feriti. Secondo quanto riferito da Al Jazeera la Jihad islamica palestinese  ha detto che due dei morti erano membri della sua ala militare, Brigate al-Quds. Sempre i medici palestinesi hanno riferito che ieri un Drone israeliano ha ucciso un ragazzo di 15 anni e ferito altri sei studenti vicino a una scuola mentre era in corso di uno sciopero. Gli attacchi aerei stanno continuando, nonostante le voci di una tregua. L’esercito israeliano non ha commentato questa nuova escalation ma in precedenza aveva confermato che  erano stati colpiti  un impianto di stoccaggio di armi e quattro siti di lancio dei razzi nel nord della Striscia di Gaza. Secondo la polizia israeliana i palestinesi avevano sparato 11 razzi su Israele, tra cui uno che ha danneggiato un edificio in un kibbutz vicino al confine con Gaza. Questi lanci di razzi non hanno causato feriti. La cosa preoccupante è che il primo ministro israeliano  Benjamin Netanyahu, ha dichiarato due giorni fa che le operazioni sarebbero “continuate il tempo necessario”. “Necessario” a cosa?

I Palestinesi si sono di nuovo appellati al consiglio di sicurezza delle Nazioni unite sottolineando  che gli attacchi israeliani, del tutto ingiustificati, stanno causando vittime civili. Numerosi le donne e i bambini che sono stati colpiti dalle bombe israeliane. Riyad Mansour, l’inviato palestinese alle Nazioni Unite, ha detto cheil Consigliodi Sicurezza deve “agire con urgenza per affrontare questa crisi”, accusando Israele di essere responsabile di una “escalation d terrore e violenza”.Mansour ha detto che se le responsabilità di Israele non saranno evidenziate  significherà  “certificare la  sua posizione di impunità mentre l’escalation dei suoi crimini contro il popolo palestinese avranno effetti negativi sul futuro dei negoziati”. Israele dal canto suo ha criticato la comunità internazionale per il “silenzio” per gli attacchi di razzi da Gaza, e ha detto in una lettera al Consiglio di Sicurezza che avrebbe preso “tutte le misure necessarie” per proteggere i civili.

La Cina ha chiesto a Israele di porre fine ai raid aerei sulla Striscia di Gaza. Pechino, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Liu Weimin, “è preoccupata per l’escalation della situazione a Gaza”. “Chiediamo ad Israele di bloccare i raid aerei contro Gaza Speriamo che le parti arrivino immediatamente al cessate il fuoco per evitare vittime tra i civili innocenti”. La Jihad islamica promette di continuare a lanciare missili contro Israele e respinge ogni ipotesi di tregua alle condizioni poste da Israele. Lo ha detto un uomo dal volto coperto che, in una conferenza stampa a Gaza si e’ presentato come il portavoce dell’ala militare della Jihad islamica. “Diciamo a chi corre dietro alla tregua con il nemico, che una tregua alle nostre condizioni e’ accettabile, ma non lo e’ alle inique condizioni poste dal nemico”.La Jihad Islamicachiede che Israele cessi tutti i raid come condizione per avviare la tregua.

 

 

Articoli correlati

  • ISRAELE-PALESTINA: ORA BISOGNA “VINCERE” LA PACEISRAELE-PALESTINA: ORA BISOGNA “VINCERE” LA PACE E’ stato un voto storico: la Palestina entra nell’Onu. Come stato osservatore e non membro a pieno titolo. Ma, appunto, come “Stato”, riconosciuto in tutto il mondo, e non più come semplice, indefinito “organismo”. Ed è molto […]
  • PALESTINA E ISRAELE, LE LACRIME DELLA STORIAPALESTINA E ISRAELE, LE LACRIME DELLA STORIA Essere antisionisti, essere cioè contro le politiche genocidarie dello Stato di Israele, non significa essere antisemiti. L’accusa di antisemitismo contro le persone che criticano le politiche israeliane è ormai un’arma spuntata che […]
  • LA MEMORIA E LA SINDROME DI HITLERLA MEMORIA E LA SINDROME DI HITLER Il 27 gennaio sarà la giornata della memoria. Con Emilio Drudi, autore del libro "Un cammino lungo un anno"in uscita in questi giorni,  parliamo di razzismo, Shoah, della paura di Israele di un nuovo olocausto. Una paura che si trasforma […]
  • “BENVENUTI IN PALESTINA…” (1)“BENVENUTI IN PALESTINA…” (1) Marco Mohamed Abdelaal,32 anni, attivista italiano dell'International Solidarity Movement è stato arrestato l’ 11 Aprile durante la 7 ° Conferenza internazionale di Bil’in sulla lotta popolare palestinese tenutasi nella città vecchia […]
  • “BENVENUTI IN PALESTINA…” (2)“BENVENUTI IN PALESTINA…” (2) Marco Mohamed Abdelaal,32 anni, attivista italiano dell'International Solidarity Movement è stato arrestato l’ 11 Aprile durante la 7 ° Conferenza internazionale di Bil’in sulla lotta popolare palestinese tenutasi nella città vecchia […]
  • SPECIALE UCCISIONE VITTORIO ARRIGONISPECIALE UCCISIONE VITTORIO ARRIGONI Questa notte è stato ucciso a Gaza l'attivista italiano del ISM - International Solidarity Movement - Vittorio Arrigoni. Interviene da Gaza Silvia Tedeschini dell'ISM che ci porta la sua testimonianza diretta sulla vicenda,  sul […]
  • LA VIA DI ISRAELE PER I TRAPIANTI CLANDESTINILA VIA DI ISRAELE PER I TRAPIANTI CLANDESTINI Pubblichiamo l'articolo di Emilio Drudi, giornalista per anni al Messaggero, autore di diversi articoli sul Medio oriente, Africa, immigrazione. Il pezzo che pubblichiamo si ricollega in qualche modo alla questione dei profughi […]
  • “PIOMBO FUSO”, LA GUERRA D’ISRAELE“PIOMBO FUSO”, LA GUERRA D’ISRAELE Tre anni  fa l’operazione militare contro la Striscia di Gaza che tra il 27 dicembre 2008 e il 18 gennaio 2009 causò 1400 morti, tra i quali 300 bambini,  e 5000 feriti. Tre mesi dopo veniva assassinato, proprio a Gaza, Vittorio Arrigoni. […]
Share