Immigrazione, un numero verde per l’assistenza legale agli operatori degli enti


Siglata la convenzione tra Anci Toscana e Arci nel quadro del progetto ReSISTo

 

 Si rafforza la collaborazione tra Anci Toscana e Arci (Comitato regionale toscano) sul fronte dell’assistenza legale nei confronti degli operatori degli enti pubblici aderenti alla rete regionale del progetto ReSISTo e degli operatori delle strutture che ospitano i richiedenti asilo provenienti dalla Libia.

 È quanto prevede la convenzione stipulata oggi tra il segretario generale di Anci Toscana Alessandro Pesci e il presidente del Comitato regionale Toscano dell’Arci Gianluca Mengozzi.

In base alla Convenzione, Arci garantisce l’attivazione a livello regionale del servizio di assistenza legale attraverso il numero verde dedicato 800905570: nei giorni da lunedì a venerdì in orario 9,30 -17,30 con il servizio attivo con un operatore, gli altri orari sono coperti attraverso una segreteria telefonica. È attivo anche il servizio via mailing agli indirizzi numeroverderifugiati@arci.itformasilo@gmail.com.

La Convenzione si inserisce nel più ampio quadro del Protocollo d’Intesa fra la Regione Toscana e Anci Toscana, che ha dato luogo al progetto ReSISTo (I e II edizione) a sostegno della creazione e implementazione di servizi informativi presso i comuni per la gestione delle pratiche riguardanti lo status giuridico dei cittadini immigrati e dell’ Accordo di collaborazione sottoscritto tra i medesimi soggetti nel marzo scorso per azioni di supporto in favore dei Comuni della Toscana, attraverso la rete degli sportelli ReSISTo nei percorsi di accoglienza in favore di richiedenti e titolari di protezione internazionale.

Share