PREVENIRE LA PREVENZIONE DEL SUICIDIO

La domanda è lecita: la crisi porta al suicidio? Banalmente potremmo considerare che comunque la crisi economica è un evento che in molti casi comporta una condizione sfavorevole, e che certo non promuove, almeno per i più, la felicità.

Aldo Gabardo, in un articolo sempre su questo Sito, si pone giustamente la domanda e ragiona, con il supporto di riferimenti ad importanti ricerche sul tema, sul fatto che negare la relazione tra crisi e suicidi è da stupidotti, e che se si è depressi ci si suicida di più. In conclusione, dice Gabardo, curiamo i depressi, anche quelli che non sanno di esserlo, e nessuno si ammazzerà più.

Innanzitutto nessuno vuole negare la relazione tra crisi economica e alcuni suicidi, come non si nega quella tra brufoli e suicidio.

Ma se fossero proprio le cure psichiatriche a far aumentare i suicidi? Molte ricerche, altrettanto importanti, e forse più indipendenti da interessi di parte di quelle citate dal nostro redattore, stabiliscono che esiste una netta correlazione tra antidepressivi, e psicofarmaci in genere, e tentativi di suicidi e di atti aggressivi vari. Questo soprattutto nei primi mesi dall’inizio del trattamento e soprattutto tra giovani ed adolescenti.

Ma quello che mi convince di meno della tesi di Gabardo è il ruolo del conflitto e la sua elaborazione. E ancora, la definizione, anzi la mancata definizione, di depressione, se non in senso medico-sintomatico.

Diciamo subito che i dati sull’eventuale incremento di suicidi nel periodo che stiamo attraversando di incertezza economica li avremo tra qualche mese, ma ad ora chi si occupa di statistiche prevede spesso una correlazione non positiva.

In Italia, con una percentuale sulla popolazione di un quarto inferiore rispetto alla ricca Scandinavia, e con la stessa variabilità percentuale tra Nord e Sud del paese, ci sono circa 3000 suicidi l’anno, di cui dal primo gennaio di quest’anno una quarantina sono imputabili alla crisi economica. Una percentuale, invariata come tendenza negli anni passati, assolutamente poco significativa per definire la famosa correlazione tra crisi e aumento dei suicidi. La maggior parte dei suicidi avviene per cause di salute, tra cui la maggioranza per cause psichiche. Saranno i farmaci? O se uno si suicida è naturalmente messo nel girone dei depressi?

Eppure questo prospetto statistico, se si rivelerà esatto come immagino, contrasta con il buonsenso: ci pare ovvio che la situazione drammatica di chi subisce pesantemente la crisi economica possa spingere qualcuno a compiere l’atto estremo. In fondo leggiamo che ci si suicida per molto meno, una delusione amorosa, un brutto voto a scuola, una malattia anche banale.

Quello che ci confonde nella valutazione è la fantasia, in questo caso quella suicidaria, che è uno strumento che l’organismo psichico ci ha fornito per elaborare forti cariche di stress. Se immagino un evento drammatico, come appunto il suicidio, o ammazzare un rivale, il capoufficio, o strangolare un figlio rompiballe, spesso risolvo la spinta aggressiva. Confondiamo le nostre fantasie che utilizziamo per risolvere i conflitti, con la realtà. E’ normale.

Quindi in molti casi è l’impossibilità d’immaginare naturalmente l’evento drammatico che non lascia scampo alla sua realizzazione. E non possiamo immaginare con efficacia quando le nostre emozioni sono contratte in schemi sociali, culturali ed economici, estremamente rigidi. Ma le nostre emozioni sono costrette anche da modelli terapeutici funzionali solo alla medicalizzazione della società, con farmaci e psicofarmaci che sentenziano sempre di più quello che dobbiamo sentire del dolore e come risolverlo velocemente nella sua negazione.

Con quello che costerebbe la medicalizzazione dei presunti depressi a rischio di suicidio si possono realizzare interventi di sostegno, economici e sociali, a favore di chi vive problemi legati alla crisi e non, dando spazio alla “cura della solidarietà”, rompendo gli schemi della cultura dell’isolamento, dell’egoismo, dell’individualismo, del valore economico della persona, tutti fattori che favoriscono i suicidi ben più, dati alla mano, della crisi economica.

Purtroppo anche in questo caso non è remoto il rischio di speculazioni sulla sofferenza, cercando, come da modello economico vigente se pur in crisi, di fare affari sui suicidi, veri o presunti che siano.

Articoli correlati

  • SERVIZIO SOCIALE DI PSICOTERAPIASERVIZIO SOCIALE DI PSICOTERAPIA L'AIPEP, Associazione Italiana Psicologia e Psicoterapia ONLUS, editore di Psicologiaradio.it, rende attivo dal 11 marzo 2013 il Servizio Sociale di Psicoterapia, un'iniziativa che offre supporto psicoterapico gratuito alle persone con […]
  • TUTTI GIU’ PER TERRATUTTI GIU’ PER TERRA Diciamocelo chiaramente, non ci si ammazza per la "crisi", altrimenti la specie umana sarebbe già estinta tra gli orrori che ha attraversato. Si muore per disperazione etica, quando il significato del vivere è costretto in limiti morali […]
  • CECITÀCECITÀ Pregio dell'arte non è, come spesso s'immagina, di creare qualcosa dal nulla, ma è quello di far vedere quello che c'è e che non si riesce a vedere. Nel bellissimo romanzo di José Saramago "Cecità" la gente improvvisamente perde la vista, […]
  • IL RICCO, IL CAMMELLO E LA CRUNA DELL’AGOIL RICCO, IL CAMMELLO E LA CRUNA DELL’AGO “La ricchezza non è peccato” dice il ricco nuovo vate del risorgimento economico italiano nel salotto accondiscendente della tivvù, ma un eco si riverebera nelle incoscienze ammaliate dei suoi discepoli, “E’ più facile che un […]
  • LA GRANDE DESTRA, LA TETTA E IL REGGISENO DEL PADRELA GRANDE DESTRA, LA TETTA E IL REGGISENO DEL PADRE Nel ricercare le cause della grave crisi politica ed economica che stiamo vivendo, in particolar modo dal dopo elezioni, molti analizzano argomenti che riguardano i meccanismi, e le persone, coinvolti nelle diverse strategie d'azione […]
  • PREVENIRE IL SUICIDIOPREVENIRE IL SUICIDIO E' possibile prevenire il suicidio? Molti autori pensano proprio di si, esistono infatti numerosi elementi che possono farci individuare l'aspirante suicida. Perché si vuole negare la correlazione fra crisi economica e suicidio? A chi giova?
  • DAI MEDIA ITALICI  UN’ INSALATA GRECA, MA SENZA POMODORIDAI MEDIA ITALICI  UN’ INSALATA GRECA, MA SENZA POMODORI Referendum greco e  braccio di ferro Tsipras – Europa  sul piano di rientro dal debito imposto dalla Ue. Un argomento non semplice sicuramente, tecnicamente spinoso e complesso.  Ma il mainstream italico, come spesso accade, non è stato […]
  • LA MANIPOLAZIONE: BERNAYS E GLI PSICOMARCHETTARILA MANIPOLAZIONE: BERNAYS E GLI PSICOMARCHETTARI Uno dei più importanti manipolatori della storia moderna, che ha utilizzato la psicologia al servizio degli interessi dei gruppi di potere nell'economia e nella politica, è stato Edward Louis Bernays, nipote di Freud, contribuendo in […]