SEMINARIO CON SERGE LATOUCHE: L’OPPORTUNITA’ DELLA CRISI

Seminario con Sege Latouche a Montecastello25 – 28 Ottobre 2012
Eremo di Montecastello
Tignale sul Garda (BS)

La crisi attuale può essere vista, come un’opportunità preziosa se servirà ad aprire gli occhi sulla insostenibilità del “progresso” che l’Occidente ha realizzato fin qui. Non si tratta però di sostenere un altro tipo di crescita e neppure un’altra economia, e quindi di contrapporre uno sviluppo buono a uno cattivo, ma di uscire dallo sviluppo stesso, dalla sua logica e dalla sua ideologia, per ritrovare il sociale e il politico.

Per questo è anzitutto necessario decolonizzare l’immaginario e prendere coscienza del fatto che lo sviluppo è un’invenzione dell’uomo e che il rapporto tra uomo e natura può essere rimodellato in una dimensione conviviale, all’insegna di quello che Latouche chiama “opulenza frugale”: meno consumi materiali e più ricchezza interiore, meno “ben essere” e più “ben vivere”.

La difficoltà principale della realizzazione di questo programma sta nel fatto che la crescita economica, arricchendoci materialmente, ci ha molto impoveriti umanamente. Abbiamo perduto la capacità di cavarcela da soli e ancor più le solidarietà su cui potevano contare i membri delle società tradizionali. Dobbiamo imparare di nuovo ad essere autonomi e fare in modo da trasformare la stagnazione o il regresso materiale, in un miglioramento della qualità della vita. La sfida è quella di re-inventarci: immaginando un altro modo di rapportarci al mondo, alla natura, alle cose e alle persone.

Serge Latouche, professore emerito di Scienze economiche all’’Università di Paris-Sud, è specialista dei rapporti economici e culturali Nord-Sud e dell’epistemologia delle scienze sociali. E’ stato tra i fondatori della rivista antiutilitarista “Mauss” ed è considerato l’ispiratore teorico del Movimento della decrescita.

Per partecipare e saperne di più: Associazione Start