UN FIGLIO A META’

“Bambino di dieci anni portato via da scuola con la forza dalla polizia. I genitori si disputano la custodia del figlio dal 2004. Il bambino ha cercato in tutti i modi di evitare il trasferimento in un istituto, dove sarà ora ospitato, per preparare l’affidamento in via esclusiva al padre“.

Questa notizia si è diffusa recentemente in Italia, è stata scioccante, ha svegliato emozioni forti nel pubblico.

Vorrei dedicare questo spazio al perché di questa vicenda, guardandola in un contesto più grande. La scena scioccante della notizia è solo una piccola parte di un lungo percorso di strade errate e patologiche nella famiglia del bambino.

Un amico mi ha chiesto: “Come influirà questa vicenda sullo sviluppo del bambino? Sarà traumatizzato dalla polizia che lo ha portato via con l’uso della forza?“.

Gli rispondo ora. Probabilmente  quella scena che abbiamo visto noi tramite i media non è stata decisiva per il trauma del bambino.

Non voglio parlare di come si è comportata la polizia, della scuola, di chi ha cominciato la causa, o di chi ha vinto. Voglio parlare del fatto che un bambino è stato considerato un “premio“, nella guerra tra i genitori, un oggetto da prendere, senza considerare il bene del bambino. Ecco, che cos’è il bene del bambino? Qualcuno se lo è chiesto in questa situazione?

Un altro amico ha commentato questa vicenda, raccontandomi la storia di Re Salomone.

“Due donne si presentarono da Salomone: ciascuna aveva partorito un figlio a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro ed entrambe dormivano nella stessa casa. Una notte accadde che uno dei due bambini morì e sua madre, secondo l’accusa, aveva scambiato il figlio morto con quello vivo dell’altra donna, mentre questa dormiva. Re Salomone, dopo aver ascoltato le due donne sostenere più volte le proprie tesi, fece portare una spada e ordinò che il bambino vivo fosse tagliato a metà, per darne una parte a ciascuna di esse.
A quel punto, la vera madre lo supplicò di consegnare il bimbo all’altra donna, pur di salvarlo. Re Salomone capì così che quella era la vera madre e le restituì il bambino“.

Il mio amico aggiunge: “Questo è una leggenda, ma la storia di oggi racconta che tutti e due i genitori odierni, invece, vogliono tagliare il figlio a metà“.

La nostra società sta cambiando, si parla di crisi, di crisi economica, di crisi dei valori. Cambia il modello della famiglia e il modello genitoriale. E’ più popolare fare la mamma-amica, il padre-accompagnatore, l’educazione diventa più libera e i genitori si divertono (o pensano di divertirsi) facendo i genitori. Il problema è una confusione di ruoli. Il genitore deve anche saper mettere dei limiti, definire lo spazio del bambino, insegnare quello che è giusto e sbagliato, farsi vedere arrabbiato, se c’è il motivo, insegnare al bambino che cosa significa non ottenere subito tutto ciò vuole, sopportare la frustrazione. Insomma, questi sono gli elementi che spesso ai genitori moderni mancano. Le mamme si lamentano spesso che non capiscono il proprio figlio, il neonato (ed è anche comprensibile, normale, si deve imparare a fare la mamma, ma esiste qualcosa che chiamiamo intuizione materna), chiedono aiuto, leggono molto per riuscire a compiere il proprio nuovo ruolo al meglio. Ma l’istinto naturale per ciò è sano, in questo tristissimo modo, sparisce. Si parla moltissimo dell’alimentazione sana, dei prodotti BIO, dei giocatoli stimolanti per l’intelletto, della composizione giusta dei mobili nelle camere, dei colori più corretti per l’energia positiva, delle migliori scuole… (e tutto questo potrebbe andare bene!) , ma in questo affollamento di informazioni ci si dimentica di fare una selezione, usando una vera base sana. Con tutta la voglia di essere dei genitori moderni e fare tutto correttamente, dimentichiamo che la strada giusta è quella antica, sta nel collegarsi più alla vera natura dentro di noi, e tante generazioni l’hanno percorsa prima di noi, questa strada.

Nei tempi di oggi, il figlio diventa l’obbiettivo di vita, non è più una parte “naturale“ nel percorso della relazione. Diventa (inconsciamente) uno strumento per affrontare le nostre vecchie sofferenze non elaborate. Le proprie paure ed ansie hanno molta forza. Vengono trasmesse ai propri figli, lo vediamo chiaramente anche nella storia del bambino portato via con la forza dalla polizia. I genitori – che sono bambini mai cresciuti dalle loro ansie infantili – hanno dovuto chiedere “l’aiuto“ del loro “genitore“ – la polizia, i giudici, gli avvocati – i simboli delle autorità. Grazie alla loro incapacità di prendere responsabilità e decisioni per IL BENE DEL BAMBINO.

Quale è la soluzione, il consiglio, per non ripetere situazioni di questo genere?

Si dice che il bambino può vivere tutto con tranquillità, se i genitori vivono così. Il bambino può persino non essere traumatizzato dalla separazione, dal divorzio dei genitori, se loro sono capaci di prendere decisioni giuste e gestire la situazione con tutta la tranquillità possibile, in una situazione così difficile.

La chiave della soluzione si trova in qualcosa di molto più semplice e deve cominciare a delinearsi prima di diventare genitori. Essere veri con se stessi, non raccontarsi bugie. Chiedere aiuto quando serve e farsi aiutare. Avere risorse vitali ricche e non ridurle solo a cose materiali. Essere curiosi, e sentire il senso di quello che facciamo. Stare bene con sé stessi e stare bene con gli altri. Crearsi la propria identità, prima della relazione di coppia e non confonderla con l’altro. Conoscere quello che ci fa del bene e del male e saperlo comunicare. Essere coscienti delle proprie sofferenze.

Non vorrei semplificare l’argomento ad “un’istruzione d’uso di sé stessi“, ho semplicemente nominato alcuni punti di psico-igiene ed una definizione di salute psichica. Vorrei incoraggiarvi nel capire voi stessi, nella vostra individualità e prendere responsabilità per la propria vita. Perché solo una persona sana può avere un figlio sano.

Articoli correlati

  • NATALE CON I TUOI O…?NATALE CON I TUOI O…? Natale con i tuoi... vigilia col papà e Natale con la mamma o tutti insieme in una nuova  famiglia allargata? Natale in famiglia o...? Commento musicale:  Jita - Silent […]
  • “PERCHÉ IO SONO IO E VOI NON SIETE UN CAZZO”“PERCHÉ IO SONO IO E VOI NON SIETE UN CAZZO” Ha sconvolto la sensibilità di tutti il caso del bambino conteso tra padre e madre a Padova. Non può avere giustificazione il modo con cui il piccolo è stato afferrato per le braccia e per le gambe, trascinato per terra, caricato di forza […]
  • GENITORI E FIGLI – BIMBO GETTATO NEL TEVERE: L’INFANTICIDIOGENITORI E FIGLI – BIMBO GETTATO NEL TEVERE: L’INFANTICIDIO «Non si dà pace per quanto successo, ha ammesso di averlo fatto. E’ un qualcosa che va al di là di un discorso di degrado sociale. E’ consapevole che non potrà vedere mai più suo figlio che sostiene di amare più di qualsiasi cosa al […]
  • GENITORI E FIGLI – CAPIRE SE QUALCOSA NON VAGENITORI E FIGLI – CAPIRE SE QUALCOSA NON VA I segnali di disagio del bambino raramente sono comunicazioni dirette, quanto piuttosto delle sintomatologie che possono esprimersi su vari  livelli. Come capire se qualcosa non va? Commento musicale: Régis V. Gronoff - Will Dog e […]
  • L’ELEFANTE NEL SALOTTOL’ELEFANTE NEL SALOTTO Ci sono cose nella vita che se non le vuoi vedere non le vedi. Neanche se si tratta di un elefante. Neanche se è lì, nel tuo salotto, tra il divano ed il tavolino. Fin quando non sarai pronto a vederlo non ti accorgerai di questo enorme […]
  • VACLAV HAVEL – L’UOMO DI VELLUTO – MUŽ NEŽNEJ REVOLÚCIEVACLAV HAVEL – L’UOMO DI VELLUTO – MUŽ NEŽNEJ REVOLÚCIE "Non è un dialogo come l'altro. Esistono i dialoghi corti e lunghi. Esistono i dialoghi profondi e superficiali. Esistono i dialoghi unici e quelli ripetibili. Esistono i dialoghi "una volta e basta" ed i dialoghi come un romanzo da […]
  • GENITORI E FIGLI – GIOCANDO S’IMPARAGENITORI E FIGLI – GIOCANDO S’IMPARA Benvenuti in questa nuova rubrica dedicata all'età evolutiva. Oggi parliamo dell'importanza del gioco per lo sviluppo del bambino, dal gioco esploratorio dei primi mesi al gioco simbolico, per arrivare  alla attività' ludica […]
  • RICOLLOCAMENTO PROFUGHI: ENNESIMO SUICIDIO DELL’EUROPARICOLLOCAMENTO PROFUGHI: ENNESIMO SUICIDIO DELL’EUROPA Dall’inizio dell’anno ne sono arrivati a migliaia al centro della Croce Rossa sulla via Tiburtina, a Roma: giovani profughi, per lo più africani, provenienti dal Sud Italia. Nel 2015 tantissimi erano “transitanti” sconosciuti, senza […]
Share