GIOVANNI JERVIS: L’UOMO E L’INTELLETTUALE

Giovanni JervisEra il 2/08/2009, mi trovavo sul traghetto Ancona-Patrasso pregustando le agognate vacanze in Grecia, quando ricevo un gelido SMS che fredda i miei entusiasmi, era il mio amico-collega Francesco Gangere che mi annunciava la morte di Johnny, al secolo Giovanni Jervis. L’avevo visto tre o quattro giorni prima, non di più, pregandolo di “aspettare” il mio ritorno, invece non mi ha ascoltato e non per colpa sua, semplicemente perché non poteva farlo!… quel maledetto tumore cerebrale non gli ha dato il tempo e se l’è divorato nell’arco di un anno. Recentemente, esattamente il 30/11/12 e il 1/12/12, si è svolto a Roma un convegno organizzato dall’ARPCI dal titolo “Attualità del pensiero di Basaglia”, che ha visto la partecipazione di eminenti esponenti di “Psichiatria democratica”.

La fama e l’opera di Jervis è risuonata solo in modo tangenziale, ma quel tanto che è bastato per capire che nell’ambiente di psichiatria democratica non è affatto ricoperta di gloria; ma devo comunque ringraziare i relatori perche sono state proprio le loro risposte piccate alle mie domande che mi hanno dato finalmente l’input necessario per mettere mano ad una idea che macerava in me ormai da tempo, vale a dire riportare l’esperienza quasi ventennale di supervisione clinica “a tre”, io il sopracitato Francesco Gangere con l’eminente prof. Giovanni Jervis, o per meglio dire, con Johnny.

Del convegno ne riparlerò negli articoli successivi, quello che invece in questa introduzione vorrei mettere a fuoco è l’immagine umana che lo caratterizzava (che forse pochi conoscono), o ancor di più, stimare un ipotetico punto di contatto tra l’uomo e l’intellettuale. I paradossi del suo profilo ci restituiscono la figura di quell’intellettuale dalla purezza cristallina che tutti conosciamo: l’antipsichiatra che ha riconosciuto l’esistenza della malattia mentale; il marxista critico-conservatore; lo psicoanalista avverso ai dogmi delle chiese psicoanalitiche; l’accademico eccelso sprezzante dei baroni.

Da questo punto di vista, Jervis ha sempre rappresentato nel panorama della cultura italiana, un “ libero battitore”, mai apertamente schierato o schierato solo per un po’, per quel tanto che bastava per prendere successivamente le distanze. Forse è per questo che è sempre rimasto ostico e indigesto a molti ambienti e non solo per la sua proverbiale spigolosità fisico-caratteriale. Ma com’era l’uomo Jervis, o meglio com’era nel suo intimo senza lasciarlo trapelare apertamente, ma solo intravedere (per chi si dotava di buone lenti) tra le maglie strette del suo rigore?! Certo chi lo conosceva per la prima volta, intellettuale o meno che fosse, non poteva fare a meno di esclamare : “Quest’uomo viene dal polo nord!”, ed è vero che a volte creava imbarazzo e lasciava un po’ interdetti. Eppure “dentro” non era così!

All’indomani della morte di Johnny, io con Francesco Gangere abbiamo avuto dei contatti ravvicinati con i famigliari più stretti, particolarmente con Flavia Pesetti, alla quale ho chiesto conferma su una mia espressione (se volete un po’ schematica) che riassumeva e riuniva in se l’uomo e l’intellettuale: “Un buono dalla scorza ruvida”. Lei che ha condiviso tanti anni con lui, mi ha caldamente e ampiamente confermato questo mio giudizio che assume il valore di una pura intuizione, dal momento che Jervis non si rapportava certo come bonario compagnone. Tale espressione merita certamente un approfondimento.

Se la scorza si riferisce alla “mente” che non poteva che essere ruvida, la bontà si riferisce all’“animo” umano e quello di Johnny era nobile, gentile, generoso ma soprattutto semplice. Già! proprio così , meravigliosamente SEMPLICE! Alle linee ricercate della fine mente dell’intellettuale corrispondeva una linea dell’animo semplice, spoglia, essenziale… forse addirittura rustica e rurale. Già nella tradizione filosofica e particolarmente in quella psicoanalitica il concetto di animo, o ancor più decisamente di “anima” (espressione questa che a lui non sarebbe certo piaciuta!), è ben diversa da quella di “mente”: l’animo (anima) depurato da ogni riferimento spiritualistico-religioso, rappresenta il D.N.A. del codice emotivo interno, come una persona “si sente” e soprattutto come “sente” il proprio simile sul piano relazionale.

Da questo punto di vista l’esperienza emotiva interna, i pensieri intrisi d’affettività, l’anima pensante di cartesiana memoria, rappresentando il punto di comunicazione tra mente e corpo, pongono il sigillo d’autenticità sul proprio “modo d’essere”, l’ultima vera verità. E’ facilmente intuibile che si può avere una mente eccelsa ma l’indole dell’animo crudele e perverso.

Esistono intellettuali (e non solo accademici) che grazie (o a causa) della loro fama rinomata coltivano un’anima arrivista, avida, boriosa, superba, altezzosa e saccente e non perdono occasione per rimarcare le distanze sociali e far pesare il loro nome con la bilancia del “potere”. Questo prototipo d’intellettuale è esattamente quello che Jervis NON ERA! E non solo con la sua mente sopraffina ma proprio con l’autentica semplicità del suo animo. Scevro da letture sociali di fin troppo facile supremazia, il suo codice emotivo lo portava a considerarsi innanzitutto una “creatura della natura” e quindi non troppo dissimile dall’ultimo degli uomini, mostrandosi sensibile e profondamente rispettoso di fronte alla sofferenza di tutti.

Il sentimento di “uguaglianza ontologica” col proprio simile, sanciva il senso d’appartenenza alla specie umana e lo ancorava fatalmente più alla naturalità dei sensi, al “bios” del corpo che non alla mente che considerava fabbrica d’illusioni e di autoinganni; non a caso nei suoi scritti riecheggia la simpatia per la tradizione dell’empirismo inglese, particolarmente per l’empirismo radicale di Hume.

Ma se noi per primi non ci facciamo fuorviare dallo stesso intellettuale Jervis, alcune linee essenziali del suo “pensiero”, come la ricerca dell’universalità contro il relativismo, la riscoperta del filone biologistico e delle neuroscienze e soprattutto l’enigma della coscienza grande raffineria d’illusioni, erano già contenute e scolpite nel suo animo buono e semplice : fatti di materia organica, siamo uomini in mezzo agli uomini, soprattutto animali portatori di bisogni fisici e psichici, la cui intelligenza superiore non può sopprimere ma al massimo sofisticare per convenienza. Riletta diversamente la sua rigidità culturale, il suo rigore metodologico, rispondevano proprio al bisogno profondo di salvaguardare il valore della semplicità che conferiva la “dignità biologica” alla specie umana.

Ma se lui era (del resto come tutti) un uomo fatto di “carne e sangue” perché sembrava un “uomo di ghiaccio”? Anche se potrà sembrare tracotante e addirittura irriverente, per l’esperienza avuta con lui, presuntuosamente sostengo (non me ne vogliano tutte le persone che gli hanno voluto bene, io per primo) che la semplicità d’animo di Johnny fosse anche correlata con un alto grado di suscettibilità e addirittura di fragilità emotiva: un bambino che capisce molto presto di essere facilmente esposto alle ferite emotive e altrettanto presto impara ad usare i prodigi della mente!

Alla fine dei conti, usando proprio le sue stesse categorie, la mente prodigiosa con la quale ha costruito il suo personaggio è la SUA GRANDE ILLUSIONE! E’ per questo che quando ripenso a Johnny, l’immagine che mi si desta nella mente non è quella di un relatore che stupisce il pubblico ad un congresso, ma quella di un uomo qualunque in un‘osteria della Romagna che degusta un buon bicchiere di vino rosso (che a lui piaceva tanto!) mangiando pane, prosciutto e formaggio. Nel prossimo articolo entreremo nel clima delle supervisioni.

Articoli correlati

  • JERVIS E IL CONVEGNO SU BASAGLIA (1 – L’esperienza di Gorizia)JERVIS E IL CONVEGNO SU BASAGLIA (1 – L’esperienza di Gorizia) Si è tenuto a Roma il 30/11/2012 e il 1/12/2012 un convegno organizzato dall’ARPCI (Scuola di Specializzazione e Formazione in Psicoterapia Cognitivo-Interpersonale), dal titolo “Attualità del pensiero di Basaglia”, che ha visto la […]
  • JERVIS E IL CONVEGNO SU BASAGLIA	(2 – L’antipsichiatria)JERVIS E IL CONVEGNO SU BASAGLIA (2 – L’antipsichiatria) L’ultimo capitolo de  "Il buon rieducatore” s’intitola il “Mito dell’antipschiatria”. Qui sono già evidenti le “differenze” con la cosiddetta antipsichiatria da cui Jervis intende prendere le distanze, non solo dal punto di vista […]
  • LE SUPERVISIONI CON GIOVANNI JERVISLE SUPERVISIONI CON GIOVANNI JERVIS Dopo un’esperienza infelice come collaboratori presso un istituto di psicoterapia psicoanalitica (l’ordine degli psicologi si era costituito da poco ed erano appena iniziati i riconoscimenti delle scuole private di psicoterapia), […]
  • IL PATTO FAMILIARE: QUANDO L’AMORE FA MALEIL PATTO FAMILIARE: QUANDO L’AMORE FA MALE Uno dei paradossi più eclatanti, messi in luce dalla psicanalisi, è quello relativo all'innamoramento dove il nuovo si confonde con l’antico, creando un luogo affettivo dove si cerca di risolvere le sofferenze vissute nel passato per […]
  • EDIPO: MITO E COMPLESSOEDIPO: MITO E COMPLESSO Come tutti sappiamo Freud si rifece al mito di Edipo rappresentato nella tragedia di Sofocle, per trarne quello che andrà sotto il nome di complesso, vale a dire quel crocevia evolutivo fondamentale anch’esso a carattere universale, […]
  • EDIPO: IERI, OGGI, DOMANIEDIPO: IERI, OGGI, DOMANI Edipo, ovvero il padre, il figlio, la donna; il potere, l’autorità la violenza; il desiderio, l’istinto e la sessualità; il dogma, l’obbedienza cieca e la profanazione; la tradizione, il sovvertimento e la rivoluzione, l’individualità, la […]
  • IN NOME DEL PADREIN NOME DEL PADRE Il bambino sviluppa il mondo simbolico per rapportarsi con la realtà, crea un’immagine del se corporeo e la relaziona con l’altro. Il padre, figura anch’essa simbolica, serve a gestire il rapporto con la realtà, fornendo la lettura etica […]
  • LO SCOPO DEI SOGNILO SCOPO DEI SOGNI Di epoca in epoca i sogni non smettono di stupire e stimolare la fantasia degli esseri umani. Numerose sono le testimonianze che, dai tempi antichi, parlano del mondo onirico come di un mondo affascinante e complesso ed ancora oggi il suo […]
Share