SERVIZIO SOCIALE DI PSICOTERAPIA

Servizio Sociale di PsicoterapiaL’AIPEP, Associazione Italiana Psicologia e Psicoterapia ONLUS, editore di Psicologiaradio.it, rende attivo dal 11 marzo 2013 il Servizio Sociale di Psicoterapia, un’iniziativa che offre supporto psicoterapico gratuito alle persone con gravi difficoltà economiche.

Il servizio, inizialmente attivo solo per la zona di Roma, vuole avere l’obiettivo di intervenire nelle situazioni, soprattutto di carattere emergenziale, di disagio psicologico, come crisi d’ansia, attacchi di panico, stati depressivi, che per motivi economici, come disoccupazione e perdita del lavoro, non possono essere affrontate in ambito privato e che non hanno trovato adeguata risposta presso le strutture pubbliche di riferimento.

Scopo dell’iniziativa, oltre quello della prevenzione delle diverse conseguenze, anche gravi come il rischio suicidario, relative al mancato supporto verso il disagio psicologico indotto anche a causa di problemi economici sempre più rilevanti in periodo di crisi occupazionale, è anche quello di porre l’attenzione sulla grave situazione del Servizio Pubblico di assistenza al disagio psichico, che sempre di più, anche a causa dei tagli alle spese sanitarie effettuati dal governo, non riesce a garantire supporto alle necessità della salute psicologica della comunità. Periodicamente, a scopo informativo per gli operatori del settore e per gli organismi di tutela della salute pubblica, verranno rilasciate informazioni statistiche sull’attività svolta.

Il Servizio Sociale di Psicoterapia è realizzato grazie al supporto volontario di professionisti psicoterapeuti di provata esperienza ed opportuna formazione che hanno deciso di dedicare parte del loro impegno professionale all’iniziativa. Gli psicoterapeuti interessati a partecipare all’iniziativa possono contattare l’Associazione.

E’ attivo il numero verde Psicotel 800 529706, attraverso il quale si può prenotare un primo incontro e si potranno ricevere le informazioni necessarie per l’accesso al Servizio.

Il Servizio Sociale di Psicoterapia è realizzato senza alcun contributo economico da parte di terzi. Chi volesse effettuare una donazione a supporto dell’iniziativa può farlo seguendo le modalità indicate su: www.psicotel.it/help

AIPEP – Associazione Italiana Psicologia e Psicoterapia onlus – Tel.: 199 443408 – www.aipep.com

Fare politica non si risolve nel lasciar cadere una scheda elettorale nell’urna, nel dibattere sulle diatribe tra il giullare depresso e il vacuo metaforista.

Fare politica non è giocare a fare i libertari con Internet lanciando anatemi da pulpiti di blog, raccogliendo gli osanna di invasati ragazzini d’ogni età con il Tablet al posto del cervello.

Fare politica non è scegliere tra la dittatura di squinternati visionari del futuro della rete e quella dei padroni del mercato e della finanza. 

Fare politica è convincere quel collega che “ho già fatto tanto volontariato da giovane, ora ho due figli e devo pensare a far soldi” che dare un po’ di quello che si ha in più rispetto a chi ha nulla, anche se la differenza è poco, regala la salute del contatto con la realtà e rende meno svilito il mercenario ruolo paterno ormai incapace di prendersi la responsabilità dei disastri sociali. 

Fare politica è cercare il cambiamento nelle proprie indisponibilità a cambiare, è non scendere a patti con chi con il cambiamento gioca la propria partita del rendere stabile l’irrisolto, con i falsi profeti e con la finta sinistra.

Fare politica è non pensare di poter non fare politica, è scegliere chiaramente da che parte stare, se con l’idea di quelli che si stanno comprando il mondo o con l’anima degli svenduti.

Fare politica è accorgersi delle necessità irrisolte del luogo sociale e cercare, anche in piccolissima parte, di porvi rimedio.  Questa è la nostra politica.

Articoli correlati

  • LA GRANDE DESTRA, LA TETTA E IL REGGISENO DEL PADRELA GRANDE DESTRA, LA TETTA E IL REGGISENO DEL PADRE Nel ricercare le cause della grave crisi politica ed economica che stiamo vivendo, in particolar modo dal dopo elezioni, molti analizzano argomenti che riguardano i meccanismi, e le persone, coinvolti nelle diverse strategie d'azione […]
  • POSTDEMOCRAZIA, LIBERTA’ E INFORMAZIONEPOSTDEMOCRAZIA, LIBERTA’ E INFORMAZIONE Il concetto di postdemocrazia proposto dal sociologo Colin Crouch si rivela molto utile per spiegare la situazione diversamente democratica in cui versano ormai tutti i paesi assoggettati all'economia liberista, quindi tutto l'occidente e […]
  • WALTER NON SI RICANDIDA. E DIVENTA UN EROEWALTER NON SI RICANDIDA. E DIVENTA UN EROE Walter Veltroni superstar. Ha suscitato grande interesse e apprezzamento la sua decisione di non ricandidarsi nelle prossime elezioni. Per dichiararlo ha scelto la platea più ampia: la televisione, in una trasmissione popolare come Che […]
  • CECITÀCECITÀ Pregio dell'arte non è, come spesso s'immagina, di creare qualcosa dal nulla, ma è quello di far vedere quello che c'è e che non si riesce a vedere. Nel bellissimo romanzo di José Saramago "Cecità" la gente improvvisamente perde la vista, […]
  • ELEZIONI E PSICOPATOLOGIA DEL POTEREELEZIONI E PSICOPATOLOGIA DEL POTERE Questo modo di votare senza idee al quale siamo condotti nell’epopea del nulla significante è un’azione senza scopo, senza senso, è il delirio di un modello culturale agonizzante, cieco davanti alla sua disperazione, alla sua imminente fine.
  • IL VENDITORE E LA FASCINAZIONE DELL’IMBROGLIOIL VENDITORE E LA FASCINAZIONE DELL’IMBROGLIO E' di quelle cose che all'inizio confessi solo ad un amico, possibilmente uno caro, magari d'infanzia, per poi scoprire che appartiene anche a lui, e a molti altri. Quel piccolo vizio sgarbato, assolutamente privo di fascino […]
  • LIBERA NOS A MALOLIBERA NOS A MALO Quando il demone si ripresenta ricandidandosi alla guida della nostra salvezza, i deboli concentrano su di lui la loro attenzione, felici e soddisfatti di aver trovato nel vacuo metaforista, o nel depresso giullare, il Don Chisciotte che […]
  • PREVENIRE LA PREVENZIONE DEL SUICIDIOPREVENIRE LA PREVENZIONE DEL SUICIDIO Se immagino un evento drammatico, come appunto il suicidio, o ammazzare un rivale, il capoufficio, o strangolare un figlio rompiballe, spesso risolvo la spinta aggressiva. Confondiamo le nostre fantasie che utilizziamo per risolvere i […]
Share