ITALIA, POLITICA NUOVA IN AFRICA?

immigrazione-ArtDuecento profughi eritrei rischiano di concludere il loro sogno di libertà nei lager del regime che li ha costretti a fuggire: carcere, torture e la fine di ogni speranza. Tra loro anche una quindicina di minorenni, ragazzini di 16 o 17 anni o addirittura di meno.

Accade tra Sudan ed Eritrea. Non se ne sarebbe saputo nulla se non fosse arrivata una disperata richiesta di aiuto ad Habeshia, l’agenzia che da anni denuncia la tragedia dei migranti del Corno d’Africa e dell’Africa sub sahariana. Proprio dell’Eritrea, in particolare. Silenzio. Eppure è difficile considerare questa storia solo una “fastidiosa notizia di routine”, come accade troppo spesso per la sorte di tanti popoli e tanti profughi africani. Se non altro perché riguarda il Sudan e l’Eritrea. Due degli Stati che – come hanno insistito vari esponenti del nostro Governo dopo i colloqui dei giorni scorsi del viceministro Lapo Pistelli a Khartoum e ad Asmara – dovrebbero segnare una svolta nella politica dell’Italia in Africa.

E’ una vicenda assurda, nata dal combinarsi di logiche perverse che non tengono in alcun conto i diritti fondamentali dell’uomo, a cominciare da quello alla vita stessa. Asmara considera criminali quei duecento ragazzi solo perché sono “evasi” dalla galera in cui la dittatura di Isaias Afewerki ha ridotto l’intero paese; Khartoum li ha arrestati, condannati e tenuti in prigione perché sono entrati clandestinamente nel suo territorio ed ora ha intenzione di rispedirli in patria. Senza considerare minimamente che hanno varcato il confine sudanese per chiedere asilo: “clandestini”, certo, ma come è per forza clandestino chiunque sia costretto ad abbandonare la propria terra per sottrarsi a guerre e persecuzioni, affidandosi all’amara sorte dell’esule e del fuoriuscito.

Duecento profughi, duecento storie che sono in realtà una storia unica. Sempre uguale. Questi giovani, uomini e donne, sono scappati separatamente da varie città e da varie regioni dell’Eritrea, raggiungendo e traversando tra mille rischi la frontiera, dopo aver eluso la vigilanza e le fucilate della polizia e dell’esercito. Arrivati in Sudan, intendevano chiedere asilo. Lo hanno subito dichiarato alla polizia sudanese che li ha fermati o alla quale tanti si sono loro stessi rivolti. Asilo come rifugiati o comunque in base a una delle varie forme di protezione previste dal diritto internazionale, in modo da poter restare almeno per qualche mese e poi magari proseguire la marcia verso un altro Stato disposto ad accoglierli e ad aiutarli. Qualcuno inseguiva il sogno di raggiungere l’Europa, la “terra dei diritti”, dove ha amici o familiari. Tanti pensavano di fermarsi comunque in Africa, non troppo lontani da “casa”, nella speranza che le cose possano cambiare presto ad Asmara e dunque fare ritorno. “Il regime è isolato da tutti gli Stati democratici – pensavano – La terribile situazione che sta attraversando il paese è stata denunciata al mondo intero anche dalla Chiesa. La dittatura di Afewerki non può durare ancora a lungo…”.

La risposta di Khartoum è stata il carcere. Sono stati tutti arrestati in varie circostanze e in diverse località: in buona parte nella stessa capitale ma anche in altre città. Si sono poi ritrovati tutti insieme imputati per ingresso illegale in Sudan e gettati in una prigione situata a circa 35 chilometri da Khartoum, in pieno deserto. Il processo è stato rapido e sommario, la sentenza uguale per tutti: 500 pound di ammenda e un mese di galera da scontare nella stesso lager nel quale erano stati rinchiusi al momento dell’arresto, insieme a criminali comuni e in condizioni degradanti, umilianti per la dignità umana. Non ci sono state eccezioni: hanno subito questa sorte terribile anche i ragazzini minorenni. “Molti – denuncia don Mussie Zerai, presidente dell’agenzia Habeshia – in quell’inferno fatto di maltrattamenti e soprusi continui, di condizioni igieniche indicibili, di cibo scarso e spesso immangiabile, si sono ammalati. Dissenteria, malaria, deperimento. Mali che si manifestano spesso in forma acuta. Ma vedere un medico è difficilissimo. Talvolta bruciano di febbre, ma non c’è nemmeno di che placare la sete: soltanto qualche ciotola di acqua fangosa e salmastra”.

Nonostante tutto, hanno scontato la pena: sono riusciti a racimolare i 500 pound per l’ammenda ed hanno superato in qualche modo i trenta giorni di inferno nel lager. Ma non sono stati liberati. Quell’inferno si è inaspettatamente prolungato perché la magistratura e la polizia sudanesi hanno deciso di tenerli ancora in carcere in attesa di riconsegnarli al regime di Asmara. Una detenzione del tutto illegale e arbitraria, decisa di fatto solo per poterli controllare e non rischiare di perderne le tracce. Il Governo, nel frattempo, ha preso contatto con l’ambasciata eritrea di Khartoum ed ora, a tre mesi di distanza da quando quei duecento disperati avrebbero dovuto essere rimessi in libertà, è stata raggiunta l’intesa per il rimpatrio. Eppure, riconsegnarli alla dittatura dalla quale hanno cercato di fuggire, significa di fatto condannarli a una galera ancora più dura, a rappresaglie, torture, forse la morte.

“Non c’è un minuto da perdere – insiste don Zerai – La ‘riconsegna’ è ormai questione di giorni. Forse di ore. Chiediamo con forza, allora, a tutta la comunità internazionale di intervenire per bloccare questa che si configura come un’autentica deportazione, contro ogni diritto e ogni logica. La deportazione di giovani “colpevoli” soltanto di aver lasciato il proprio paese in cerca di libertà e che ora rischiano la vendetta della dittatura alla quale volevano sottrarsi. Bisogna intervenire al più presto, pretendendo spiegazioni e un ripensamento immediato dal governo sudanese. Ricordando, ammonendo anzi, che il Sudan ha firmato la convenzione di Ginevra del 1951 sui diritti dei profughi e dei migranti e che è tenuto dunque a rispettare le richieste di asilo, consegnando tutte queste persone, ed altre che si trovassero nelle stesse condizioni, all’Unhcr, l’Alto Commissariato Onu per i rifugiati, perché possa esaminarne le domande di aiuto, assistenza e protezione internazionale”.

Questo appello non ha ancora ricevuto risposte. Silenzio da parte dell’Onu, dell’Unione Europea, dei singoli Stati. Inclusa l’Italia. Che pure, proprio in queste settimane, sulla scia della recente, rapida visita di Renzi in vari Stati africani, vanta il “successo” della sua “mutata politica in Africa” e, in particolare, la “svolta” registrata proprio con l’Eritrea e con il Sudan. Si cita, a conferma di questo cambiamento, la “disponibilità al dialogo” manifestata al viceministro Lapo Pistelli da parte di Afewerki e di Amhad al Bashir, il presidente sudanese, nell’ambito di un nuovo “disegno strategico” di governance e di cooperazione economica. “L’esempio più evidente di questo successo diplomatico è stato l’arrivo in Italia di Meriam Ibrahum”, ha scritto una parlamentare Pd a proposito del Sudan. Giusto. E’ sicuramente un fatto di grande rilievo aver ottenuto la liberazione della giovane condannata a morte come apostata. Non a caso questa vicenda ha commosso milioni di persone ed attirato l’attenzione dei media di tutto il mondo. Ma forse è proprio qui il punto. Quei duecento ragazzi sono soli e ignorati dai media e dalla politica: sepolti sotto una coltre pesante di silenzio. O, peggio, di silenziamento voluto. Abbandonati al loro destino, senza clamori. Magari perché la loro vicenda ingombrante dà ombra a certi “disegni strategici”?

Non è, del resto, un caso isolato. Sempre in Sudan e sempre in questi giorni ce n’è almeno un altro, che chiama in causa non il regime di Khartoum ma direttamente l’Italia: decine, centinaia di giovani mogli eritree, spesso con bambini piccoli, alle quali la nostra ambasciata rifiuta il visto per il ricongiungimento familiare, nonostante i loro uomini abbiano ottenuto il nulla osta dal ministero dell’interno, attraverso le prefetture delle province in cui risiedono e lavorano ormai da anni. Lo stesso – ha denunciato la diaspora eritrea – accade all’ambasciata di Addis Abeba, in Etiopia, altra meta del recente viaggio di Pistelli. E’ un abuso evidente, che si trascina da mesi. Senza spiegazioni plausibili. Non ne ha fornite e probabilmente non ne ha cercate, nella sua visita a Khartoum e negli altri Stati del Corno d’Africa, nemmeno il viceministro. Eppure è noto che fine rischiano di fare queste donne se, stanche di aspettare il diritto di riabbracciare il marito, decideranno di affidarsi ai mercanti di esseri umani per tentare la traversata del Sahara e del Mediterraneo verso l’Europa. Spesso, in queste odissee della disperazione, le attende una sorte non dissimile da quella di Meriam. Sui pick-up dei predoni del Sahara, nei lager libici controllati da miliziani fanatici, nelle mani di poliziotti corrotti, sulle carrette degli scafisti… Ma loro, come i giovani profughi detenuti a Khartoum e in procinto di essere riconsegnati ad Asmara, non sono sotto i riflettori dei media. Nessuno ne parla e, dunque, non esistono.

Forse allora la nuova politica italiana in Africa dovrebbe ricominciare proprio da qui. Dai diritti di quei profughi e di quelle donne sconosciute. E di migliaia, milioni di altri come loro. Rompendo la cortina di silenzio che li cancella e li fa “sparire”. Soltanto così sarà davvero “nuova”.

Articoli correlati

  • VIOLENZE SUI PROFUGHI NEI PAESI DEL PROCESSO DI KHARTOUMVIOLENZE SUI PROFUGHI NEI PAESI DEL PROCESSO DI KHARTOUM Sequestri da parte di bande di trafficanti, ricatti della polizia, galera a tempo indeterminato o rimpatri forzati nel paese da cui sono fuggiti per sottrarsi a persecuzioni, torture, negazione dei diritti più elementari. E’ quanto accade […]
  • SFIDA ALL’ITALIA PER LA “NUOVA ERITREA”SFIDA ALL’ITALIA PER LA “NUOVA ERITREA” “Il nostro coordinamento, che riunisce diversi gruppi della diaspora in Italia, si pone come alternativa alla dittatura di Isaias Afewerki, per la costruzione di un’Eritrea libera, democratica, rispettosa dei diritti di tutti, aperta al […]
  • MA ALL’ITALIA PIACE LA DITTATURA ERITREA?MA ALL’ITALIA PIACE LA DITTATURA ERITREA? “E’ arrivato il momento di ricominciare. Sono venuto qui a testimoniare la volontà di rilanciare le relazioni bilaterali e provare a favorire un pieno reinserimento dell’Eritrea quale attore responsabile e fondamentale della comunità […]
  • TREDICI ADOLESCENTI UCCISI TRA ERITREA E SUDANTREDICI ADOLESCENTI UCCISI TRA ERITREA E SUDAN Tredici ragazzini, sette femmine e sei maschi, sono stati uccisi a raffiche di mitra dalla polizia di frontiera eritrea mentre cercavano di attraversare il confine con il Sudan. E’ stata  una strage a freddo, avvenuta verso la fine dello […]
  • MERCANTI DI MORTE SULLA FRONTIERA ERITREA-SUDAN   MERCANTI DI MORTE SULLA FRONTIERA ERITREA-SUDAN   Johannes è un ragazzo di Asmara poco più che ventenne. Da diversi giorni è prigioniero da qualche parte nel sahel del Sudan, chiuso in una casetta in muratura, incatenato a una quindicina di giovani come lui. Lo ha preso una squadra di […]
  • SUDAN,  NATALE DI MORTE AL CAMPO DI SHAGARABSUDAN, NATALE DI MORTE AL CAMPO DI SHAGARAB Un pogrom, con morti, feriti, pestaggi, capanne e case incendiate. E’accaduto la mattina di Natale nel campo profughi di Shagarab 1, nel Sudan sud orientale. L’ha condotto un folto gruppo di Rashaida, il clan beduino implicato nel […]
  • AMNESTY: L’ITALIA RINUNCI AGLI ACCORDI CON LA LIBIAAMNESTY: L’ITALIA RINUNCI AGLI ACCORDI CON LA LIBIA “L’Italia deve mettere da parte gli accordi con la Libia sul controllo degli immigrati”: Amnesty International lancia un appello che appare una dura contestazione e, insieme, una sfida aperta al premier Monti. La contestazione di una […]
  • SUDAN E LIBIA, “PROFUGHI REGALATI A PREDONI E SCAFISTI”SUDAN E LIBIA, “PROFUGHI REGALATI A PREDONI E SCAFISTI” Altri dieci migranti morti nel Mediterraneo. Dall’inizio dell’anno sono ormai quasi 400. Ma intanto i profughi continuano ad arrivare a migliaia in Libia, nella loro “fuga per la vita”, da vari paesi sub sahariani e dal Corno d’Africa. In […]
Share