DON MUSSIE ZERAI CANDIDATO AL PREMIO NOBEL PER LA PACE

Don Mussie ZeraiDon Mussie Zerai, fondatore e presidente dell’agenzia Habeshia, è tra i candidati al Premio Nobel per la Pace. Il suo nome è stato proposto da Kristian Berg Harpiken, direttore dell’Istituto di ricerca internazionale di pace di Oslo, per l’opera che svolge da anni, proprio attraverso Habeshia, in difesa dei diritti e della vita stessa dei richiedenti asilo e dei migranti in fuga da guerre, dittature, terrorismo, persecuzioni, fame e miseria.

E’ solo il primo gradino verso il prestigioso riconoscimento, che verrà assegnato nel prossimo mese di dicembre. Lo stesso Harpiken getta acqua sul fuoco: “Spesso i primi nomi che circolano vengono bruciati e quasi mai le previsioni sono rispettate”. Ma il fatto in sé di aver ricevuto la “nomination” conferma come l’attività condotta da don Zerai e da Habeshia abbia attirato l’attenzione ai più alti livelli. Anche se, in verità, più in Europa e negli Stati Uniti che in Italia, dove pure l’agenzia è stata fondata, ha mosso i passi iniziali e continua a operare in prima linea.

La notizia della nomination ha raggiunto don Zerai a Zurigo, dove svolge la sua missione pastorale per la comunità eritrea ed etiopica riparata in Svizzera. Non si è scomposto più di tanto. Non è nel suo stile, del resto. “Mi fa piacere, è ovvio – ha dichiarato – ma fermiamoci qui… Ci sono decine di candidati. A cominciare da papa Francesco, che ha sicuramente molti più titoli e meriti di me. Ammesso che io abbia meriti tali da essere proposto addirittura per il Nobel. In realtà, io faccio solo ciò che ritengo giusto. Mi limito a cercare di attuare quello che proprio il Papa ha indicato fin da quando si è insediato: andare verso le periferie e schierarsi dalla parte degli ultimi della terra, per guardare ai problemi con i loro occhi. Niente di più. E se tutto questo è riconosciuto degno del Nobel, allora mi auguro che serva a spingere il Nord del mondo, i potenti della terra come dice papa Bergoglio, ad abbattere le mura della Fortezza Europa arrivando a un sistema di accoglienza unico, accettato e condiviso da tutti gli Stati dell’Unione, e a cambiare finalmente la politica condotta nel Sud del mondo. Perché spesso è proprio questa politica a costringere milioni di giovani ad abbandonare la propria casa”.

Non ha voluto aggiungere altro. La proposta di Harpiken, tuttavia, non sembra arrivare per caso, dopo un anno, il 2014, nel quale la tragedia dei profughi è esplosa drammatica come mai in precedenza, con quasi 170 mila sbarchi in Italia, oltre 3.600 morti nel Mediterraneo e una escalation continua che, secondo gli ultimi dati dell’Unhcr, ha portato a 53 milioni il numero delle persone costrette nel mondo a una ‘fuga per la vita’ dal proprio paese. Un esodo enorme, mai registrato prima nella storia, ma che, visto il continuo moltiplicarsi delle situazioni di crisi, segna non il culmine ma solo l’inizio di un problema terribile, con cui l’intero pianeta dovrà fare i conti.

Il punto è proprio qui. Don Zerai è il simbolo di questo problema epocale. Non a caso è noto come “l’angelo dei profughi”. Un appellativo che si è guadagnato sulla stampa internazionale per tutto quello che ha fatto in questi anni, mettendosi senza riserve al servizio delle vittime di una tragedia che, come lui stesso ripete spesso, affonda le radici anche nel pregiudizio, nell’opportunismo, nel conformismo, nell’indifferenza di milioni di uomini e donne che hanno la fortuna di essere nati e di vivere nella “parte privilegiata” della terra.

Anche don Zerai ha un passato di profugo. Nato in Eritrea, ad Asmara, è espatriato fortunosamente in Italia nel 1992, appena diciassettenne, come rifugiato politico. E’ una vicenda che non ha mai dimenticato e che gli ha anzi segnato la vita fin da quella mattina di primavera che, ridestandosi finalmente libero a Roma dove era arrivato la sera prima, ha sentito l’obbligo morale di mettere la sua esperienza e le sue forze a servizio di altri giovani come lui. Diventare attivista per i diritti umani è stato lo sbocco naturale di questa scelta, che ha poi confermato e rafforzato negli anni degli studi: filosofia a Piacenza dal 2000 al 2003, teologia nei cinque anni successivi e poi morale sociale presso l’Università Pontifica Urbaniana fino al 2010, quando è stato ordinato sacerdote.

La missione che ha voluto darsi si è intensificata in particolare proprio dopo che ha preso i voti, in concomitanza con l’aggravarsi della vicenda dei profughi a causa di tutta una serie di situazioni di crisi esplose in Africa e nel Medio Oriente. E’ stato tra i primi, in quegli anni, a partire dalla tarda estate del 2010, a segnalare la tratta degli schiavi nel Sinai. E’ una piaga tuttora aperta: centinaia di giovani catturati nel deserto, verso il confine di Israele, da bande di predoni beduini collegate a organizzazioni criminali internazionali, che pretendono per ogni prigioniero riscatti saliti rapidamente da 8-10 mila a 40-50 mila dollari e che minacciano di consegnare chi non riesce a pagare al mercato degli organi per i trapianti clandestini. Le sue denunce, fatte attraverso l’agenzia Habeshia, insieme a quelle di altre organizzazioni umanitarie, hanno destato sensazione in tutto il mondo, ma l’eco si è spenta in poche settimane, senza che la comunità internazionale si sia mai fatta davvero carico di questa che appare un’autentica emergenza umanitaria.

Da allora c’è stato un crescendo di orrore. Il traffico di schiavi nel Sinai è diminuito ma non è mai cessato. Nemmeno dopo che Israele ha chiuso nel 2012 la sua frontiera con l’Egitto, innalzando una barriere impenetrabile di filo spinato e sensori elettronici. E’ solo cambiata la strategia criminale: anziché attendere i migranti nel Sinai, i predoni ora li adescano con il miraggio di un espatrio in Europa o addirittura li rapiscono direttamente nei centri di soggiorno provvisorio sparsi tra il Sudan e l’Etiopia. Anzi la mafia dei trafficanti ha esteso e radicato i suoi tentacoli lungo tutte le vie di fuga dei migranti, sia nei paesi di transito verso l’Europa che in quelli di prima accoglienza: Etiopia, Egitto, Libia. Il Sudan, soprattutto, dove le bande beduine hanno trasferito dal Sinai le proprie basi operative. Mentre le crisi, le rivolte, le guerre, le carestie esplose dal 2010 ad oggi, continuano a produrre fuggiaschi e richiedenti asilo e, dunque, “materiale umano” da sfruttare per i trafficanti di morte.

Don Zerai è diventato un punto di riferimento per le vittime di tutto questo: prima a Roma, dove ha esercitato la fase iniziale del suo sacerdozio, ed ora in Svizzera. I suoi recapiti, dai telefoni cellulari personali ai numeri dell’agenzia Habeshia, sono ormai considerati un’ancora di salvezza per i giovani prigionieri dei predoni, per le famiglie che non hanno più notizie dei loro cari, per i richiedenti asilo relegati nei lager libici, per i migranti dimenticati nelle carceri egiziane o nei campi profughi del Sudan, per i rifugiati abbandonati a se stessi in Italia. Disperati dei quali spesso non si occupa nessuno. E lui, oltre a fare il possibile per organizzare una rete di aiuto diretto, continua a documentare e a battersi perché questa tragedia entri come prioritaria nell’agenda dell’Onu, dell’Unione Europea e di tutte le cancellerie occidentali.

La sua voce non è rimasta inascoltata: è stato più volte sentito dall’Alto Commissariato dell’Onu per i rifugiati; nel giugno 2012 ha avuto un’audizione ufficiale con l’allora segretario di stato americano Hillary Clinton a Washington; è stato convocato dalle commissioni affari interni e per i diritti dell’uomo dell’Unione Europea alle quali ha consegnato in particolare, all’inizio del novembre 2012, un rapporto sulle terribili condizioni dei centri di detenzione in Libia; nel 2013 e lo scorso anno ha avuto tre incontri a Bruxelles sulla situazione in Libia e nel Mediterraneo e un confronto sul traffico di esseri umani con il commissario Ue Cecilia Malmstron. Un anno fa ha affrontato questo stesso problema in Vaticano, nel corso di un colloquio con Luis de Baca, del Dipartimento di Stato americano. I suoi dossier sono diventati in diversi casi la base per inchieste della magistratura internazionale o dei singoli paesi ed è stato più volte contattato come “esperto” da vari parlamentari europei e italiani.

“Ma è ancora soltanto l’inizio di un lavoro lungo e difficile – continua a ripetere – Questa enorme tragedia troverà soluzione, come ha ammonito papa Francesco, solo quando i potenti della terra cambieranno la loro politica nei confronti del Sud del Mondo. Degli ultimi della terra”.

Articoli correlati

  • EUROPA, UN MURO PER RESPINGERE I PROFUGHIEUROPA, UN MURO PER RESPINGERE I PROFUGHI “Si tratta, ancora una volta, di un rafforzamento della Fortezza Europa: un muro per respingere i richiedenti asilo. Proprio mentre stanno aumentando gli arrivi in Italia dalla Libia e dall’Egitto, lungo la rotta del Mediterraneo […]
  • L’INFERNO DEI PROFUGHI DEL CORNO D’AFRICAL’INFERNO DEI PROFUGHI DEL CORNO D’AFRICA Abbiamo intervistato Don Mussie Zerai, sacerdote eritreo presidente dell'agenzia Habeshia sulla questione dei profughi che fuggono per cercare di salvarsi dalla guerra e dalla fame. Ci ha raccontato le loro storie, la vita nei campi […]
  • ERITREA: COMITATO NAZIONALE CONTRO LA DITTATURAERITREA: COMITATO NAZIONALE CONTRO LA DITTATURA Sono eritrei oltre il 25 per cento dei circa 66 mila profughi arrivati finora in Italia quest’anno. E il trend continua ad aumentare: nel 2014 sfioravano il 23 per cento. Perché scappano lo ha denunciato la Commissione d’inchiesta Onu […]
  • ITALIA, POLITICA NUOVA IN AFRICA?ITALIA, POLITICA NUOVA IN AFRICA? Duecento profughi eritrei rischiano di concludere il loro sogno di libertà nei lager del regime che li ha costretti a fuggire: carcere, torture e la fine di ogni speranza. Tra loro anche una quindicina di minorenni, ragazzini di 16 o 17 […]
  • SFIDA ALL’ITALIA PER LA “NUOVA ERITREA”SFIDA ALL’ITALIA PER LA “NUOVA ERITREA” “Il nostro coordinamento, che riunisce diversi gruppi della diaspora in Italia, si pone come alternativa alla dittatura di Isaias Afewerki, per la costruzione di un’Eritrea libera, democratica, rispettosa dei diritti di tutti, aperta al […]
  • SOMALIA: UN CONTO APERTO PER L’ITALIA E PER L’EUROPASOMALIA: UN CONTO APERTO PER L’ITALIA E PER L’EUROPA Il 26 febbraio, organizzato dal Consiglio italiano per i rifugiati (Cir) – in collaborazione con la Società italiana per l’organizzazione internazionale (Sioi), l’Associazione per l’aiuto alle donne e ai bambini somali e la Camera di […]
  • PROFUGO ERITREO SUICIDA A MINEO: DENUNCIA DI DON ZERAIPROFUGO ERITREO SUICIDA A MINEO: DENUNCIA DI DON ZERAI Un giovane profugo eritreo è stato trovato morto in una palazzina del centro richiedenti asilo di Mineo, nel Catanese. Si è ucciso: penzolava da un laccio stretto attorno al collo, una corda di fortuna, ricavata da una striscia di stoffa […]
  • VIOLENZE SUI PROFUGHI NEI PAESI DEL PROCESSO DI KHARTOUMVIOLENZE SUI PROFUGHI NEI PAESI DEL PROCESSO DI KHARTOUM Sequestri da parte di bande di trafficanti, ricatti della polizia, galera a tempo indeterminato o rimpatri forzati nel paese da cui sono fuggiti per sottrarsi a persecuzioni, torture, negazione dei diritti più elementari. E’ quanto accade […]
Share