NON E’ LA MIA EUROPA

#notmyeuropeDa Amnesty International:

Contro le politiche dei muri e per un’Europa dell’accoglienza: il 25 marzo alle 15,30 Amnesty International, insieme a numerose altre sigle da sempre impegnate al fianco di migranti, rifugiati e richiedenti asilo, dà appuntamento sulle acque del Tevere per la manifestazione #NOTMYEUROPE.

#NOTMYEUROPE: CHIEDIAMO UN’EUROPA PIÙ ACCOGLIENTE E UMANA
La mobilitazione ha scelto proprio la data dell’anniversario dei 60 anni dalla firma dei Trattati di Roma per chiedere ai rappresentanti dei vari governi che sono ospiti della Capitale un approccio più umano e accogliente verso chi fugge da guerre, persecuzioni o povertà.

L’INSTALLAZIONE SUL FIUME TEVERE
Lungo il fiume Tevere è prevista una imponente installazione che riproduce l’impatto delle politiche dei muri sulle persone in cerca di sicurezza in Europa.
Sul palco è in programma il reading di Moni Ovadia e Edoardo Buffoni dal titolo “Un uomo sopravvissuto al viaggio“. Previsti gli interventi di Emma Bonino, Luigi Manconi, Gad Lerner e quelli delle organizzazioni promotrici.

“Muri, blocchi e accordi disumani con paesi in Africa, Asia e Medio Oriente condannano persone in cerca di sicurezza a viaggi sempre più spesso mortali o le respingono verso la sofferenza che si sono lasciati alle spalle – dichiarano le organizzazioni –. Il destino di migranti e rifugiati ci riguarda. La strage nel Mediterraneo deve finire, attraverso l’apertura immediata di canali d’ingresso regolare e protetto. Mostriamo ai leader l’altra faccia dell’Europa, che vogliamo accogliente e solidale“.

L’AIPEP e PsicologiaRadio.it aderiscono sostenendo l’iniziativa.

Articoli correlati

  • IL MURO NELLA TESTAIL MURO NELLA TESTA I muri, costruiti per contenere gli spostamenti della gente, prima di essere eretti con reti o mattoni sui confini, s'innalzano nella testa quali barriere mentali tese a respingere il dolore e la consapevolezza della perdita di ogni […]
  • PROFUGHI: A VENTIMIGLIA E’ IN GIOCO L’ESSENZA DELL’EUROPAPROFUGHI: A VENTIMIGLIA E’ IN GIOCO L’ESSENZA DELL’EUROPA “Dove sono finiti i diritti umani?...”. Così gridavano i profughi che la polizia ha allontanato con la forza dalla linea di frontiera di Ventimiglia. Già: dove sono finiti i diritti umani? Non c’è stata risposta. Gli anni duemila sono […]
  • EUROPA,  PER I PROFUGHI MASSICCE ESPULSIONIEUROPA, PER I PROFUGHI MASSICCE ESPULSIONI Un giovane eritreo è stato trovato impiccato in una sala del centro di detenzione per stranieri di Aarau, nel cantone di Argovia. Era in procinto di essere espulso verso l’Italia. Si trovava in Svizzera per la seconda volta. In possesso […]
  • RICOLLOCAMENTO PROFUGHI: ENNESIMO SUICIDIO DELL’EUROPARICOLLOCAMENTO PROFUGHI: ENNESIMO SUICIDIO DELL’EUROPA Dall’inizio dell’anno ne sono arrivati a migliaia al centro della Croce Rossa sulla via Tiburtina, a Roma: giovani profughi, per lo più africani, provenienti dal Sud Italia. Nel 2015 tantissimi erano “transitanti” sconosciuti, senza […]
  • SALVARE I VIVI PER ONORARE LA MEMORIA DEI MORTISALVARE I VIVI PER ONORARE LA MEMORIA DEI MORTI Un anno fa la tragedia di Lampedusa: quella che è diventata la “madre” di tutte le stragi di migranti nel Mediterraneo. Era il 3 ottobre: 368 vite spezzate in una sciagura che ha ancora oggi stringe i cuori e che ha richiamato l’Italia e […]
  • DESTINI MIGRANTIDESTINI MIGRANTI Le funzioni di adattamento e di cambiamento fanno parte del corredo individuale e sociale della nostra struttura psichica. Per quanto riguarda l'aspetto sociale, nella storia dell'evoluzione umana l'adattamento a diverse condizioni […]
  • I MARTIRI DELLA VERGOGNAI MARTIRI DELLA VERGOGNA Le immagini dei corpi dei migranti riversi a faccia in giù nelle acque del nostro mare trasudano vergogna, sono icone ineluttabili di un tradimento di una civiltà. Nel Mediterraneo sono ormai decine di migliaia i corpi inabissati […]
  • MIGRANTI: RELOCATION FALLITA, I TRAFFICANTI RINGRAZIANOMIGRANTI: RELOCATION FALLITA, I TRAFFICANTI RINGRAZIANO “E’ stato creato un sistema che alimenta il traffico di esseri umani, consegnando agli ‘scafisti di terra’ migliaia di profughi”: Abel, un giovane interprete eritreo, non usa mezzi termini per mettere sotto accusa il piano di […]