Effetto crisi Archivi

  • Pregio dell’arte non è, come spesso s’immagina, di creare qualcosa dal nulla, ma è quello di far vedere quello che c’è e che non si riesce a vedere. Nel bellissimo romanzo di José Saramago “Cecità” la gente improvvisamente perde la vista, non […]

    CECITÀ

    Pregio dell’arte non è, come spesso s’immagina, di creare qualcosa dal nulla, ma è quello di far vedere quello che c’è e che non si riesce a vedere. Nel bellissimo romanzo di José Saramago “Cecità” la gente improvvisamente perde la vista, non […]

    Leggi il resto...

  • L’AIPEP, Associazione Italiana Psicologia e Psicoterapia ONLUS, editore di Psicologiaradio.it, rende attivo dal 11 marzo 2013 il Servizio Sociale di Psicoterapia, un’iniziativa che offre supporto psicoterapico gratuito alle persone con gravi difficoltà economiche. Il servizio, inizialmente attivo solo per la zona di […]

    SERVIZIO SOCIALE DI PSICOTERAPIA

    L’AIPEP, Associazione Italiana Psicologia e Psicoterapia ONLUS, editore di Psicologiaradio.it, rende attivo dal 11 marzo 2013 il Servizio Sociale di Psicoterapia, un’iniziativa che offre supporto psicoterapico gratuito alle persone con gravi difficoltà economiche. Il servizio, inizialmente attivo solo per la zona di […]

    Leggi il resto...

  • E’ di quelle cose che all’inizio confessi solo ad un amico, possibilmente uno caro, magari d’infanzia, per poi scoprire che appartiene anche a lui, e a molti altri. Quel piccolo vizio sgarbato, assolutamente privo di fascino intellettuale, che ti prende quando stai […]

    IL VENDITORE E LA FASCINAZIONE DELL’IMBROGLIO

    E’ di quelle cose che all’inizio confessi solo ad un amico, possibilmente uno caro, magari d’infanzia, per poi scoprire che appartiene anche a lui, e a molti altri. Quel piccolo vizio sgarbato, assolutamente privo di fascino intellettuale, che ti prende quando stai […]

    Leggi il resto...

  • La reazione sulla "notizia" dipende dalla nostra struttura psichica, dalle nostre paure ed ansie, ma anche dall'atmosfera sociale. Il meccanismo d'innesco della paura funziona tramite la diffusione di informazioni catastrofiche tra la gente.  Le notizie propongano che il pericolo è dappertutto e che non ci si possa fare niente.

    LA FINE DEL MONDO

    La reazione sulla "notizia" dipende dalla nostra struttura psichica, dalle nostre paure ed ansie, ma anche dall'atmosfera sociale. Il meccanismo d'innesco della paura funziona tramite la diffusione di informazioni catastrofiche tra la gente. Le notizie propongano che il pericolo è dappertutto e che non ci si possa fare niente.

    Leggi il resto...

  • Una delle caratteristiche della fase storica che stiamo attraversando è il conformismo e la sottomissione gregaria ai poteri forti. Molti psicologi credono di poter salvare il proprio scarso potere professionale e sociale scimmiottando i camici bianchi, la "sindrome dello stetoscopio".

    LA CLASSE MEDICA NON VA IN PARADISO

    Una delle caratteristiche della fase storica che stiamo attraversando è il conformismo e la sottomissione gregaria ai poteri forti. Molti psicologi credono di poter salvare il proprio scarso potere professionale e sociale scimmiottando i camici bianchi, la "sindrome dello stetoscopio".

    Leggi il resto...

  • “La recessione aumenta l’incertezza sul futuro e acuisce le paure. E quando ci sono le paure è normale che si cerchi qualcuno su cui concentrare le nostre paure, che possa  rappresentarne l’origine”: così il ministro del welfare, quello che una volta si […]

    CHE SOCIETA’ SI CREA SENZA PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA?

    “La recessione aumenta l’incertezza sul futuro e acuisce le paure. E quando ci sono le paure è normale che si cerchi qualcuno su cui concentrare le nostre paure, che possa  rappresentarne l’origine”: così il ministro del welfare, quello che una volta si […]

    Leggi il resto...

  •  Se immagino un evento drammatico, come appunto il suicidio, o ammazzare un rivale, il capoufficio, o strangolare un figlio rompiballe, spesso risolvo la spinta aggressiva. Confondiamo le nostre fantasie che utilizziamo per risolvere i conflitti, con la realtà. E' normale.

    PREVENIRE LA PREVENZIONE DEL SUICIDIO

    Se immagino un evento drammatico, come appunto il suicidio, o ammazzare un rivale, il capoufficio, o strangolare un figlio rompiballe, spesso risolvo la spinta aggressiva. Confondiamo le nostre fantasie che utilizziamo per risolvere i conflitti, con la realtà. E' normale.

    Leggi il resto...

  • Momenti critici per la maggior parte. Deprimersi nell'immediato risulta una risposta naturale e sensata, a volte l'unica. Il cambiamento riguarda le persone e la società. Quanto indietro bisogna andare per prendere la rincorsa?

    INSIEME A ME NON CI STO PIÙ

    Momenti critici per la maggior parte. Deprimersi nell'immediato risulta una risposta naturale e sensata, a volte l'unica. Il cambiamento riguarda le persone e la società. Quanto indietro bisogna andare per prendere la rincorsa?

    Leggi il resto...

  • È del 9 maggio la dichiarazione di Stefano Marchetti, responsabile dell'ultima indagine dell'Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT), che il numero di suicidi in Italia per motivi economici non sarebbe aumentato rispetto agli anni scorsi, essi sono stati infatti 38 dall'inizio dell'anno a fronte dei 187 su 3048 totali del 2010. Ci si continua a suicidare molto di più a causa di gravi malattie, solitamente di natura psichica e per motivi affettivi (il classico cuore infranto).

    SUICIDIO? ROBA DA MATTI!

    È del 9 maggio la dichiarazione di Stefano Marchetti, responsabile dell'ultima indagine dell'Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT), che il numero di suicidi in Italia per motivi economici non sarebbe aumentato rispetto agli anni scorsi, essi sono stati infatti 38 dall'inizio dell'anno a fronte dei 187 su 3048 totali del 2010. Ci si continua a suicidare molto di più a causa di gravi malattie, solitamente di natura psichica e per motivi affettivi (il classico cuore infranto).

    Leggi il resto...

  • Una campagna promossa dal "Centro Indivenire", rivolta a tutti coloro che si trovano a dover affrontare il disagio collegato alla perdita del lavoro. Ne parliamo con la dott.ssa Sara Di Vaio. I disoccupati potranno usufruire dei servizi gratuiti contattando il centro Indivenire: 349 6843699.

    “OCCUPIAMOCI DEI DISOCCUPATI”

    Una campagna promossa dal "Centro Indivenire", rivolta a tutti coloro che si trovano a dover affrontare il disagio collegato alla perdita del lavoro. Ne parliamo con la dott.ssa Sara Di Vaio. I disoccupati potranno usufruire dei servizi gratuiti contattando il centro Indivenire: 349 6843699.

    Leggi il resto...

  • Alcuni amministratori del Basso Molise son concordi nel trovare nella crisi economica la causa principale dell'escalation di furti e rapine che sta avvenendo in zona, sostenendo come "la delinquenza attiri di più perché non si arriva a fine mese". Ma il binomio crisi-criminalità è davvero così scontato?

    DELINQUENTE DISOCCUPATO

    Alcuni amministratori del Basso Molise son concordi nel trovare nella crisi economica la causa principale dell'escalation di furti e rapine che sta avvenendo in zona, sostenendo come "la delinquenza attiri di più perché non si arriva a fine mese". Ma il binomio crisi-criminalità è davvero così scontato?

    Leggi il resto...

  • Nei periodi di crisi economica si assiste inevitabilmente ad un aumento del tasso di suicidio, basti pensare a quanto successo nel 1929 negli Stati Uniti, quando le autorità si videro costrette a bloccare l'accesso al tetto degli edifici per evitare che le persone si uccidessero gettandosi nel vuoto.

    CRISI E DEPRESSIONE NELL’OTTICA COGNITIVISTICA

    Nei periodi di crisi economica si assiste inevitabilmente ad un aumento del tasso di suicidio, basti pensare a quanto successo nel 1929 negli Stati Uniti, quando le autorità si videro costrette a bloccare l'accesso al tetto degli edifici per evitare che le persone si uccidessero gettandosi nel vuoto.

    Leggi il resto...

  • Diciamocelo chiaramente, non ci si ammazza per la "crisi", altrimenti la specie umana sarebbe già estinta tra gli orrori che ha attraversato. Si muore per disperazione etica, quando il significato del vivere è costretto in limiti morali dove non c'è più spazio per rinascere dalla sconfitta.

    TUTTI GIU’ PER TERRA

    Diciamocelo chiaramente, non ci si ammazza per la "crisi", altrimenti la specie umana sarebbe già estinta tra gli orrori che ha attraversato. Si muore per disperazione etica, quando il significato del vivere è costretto in limiti morali dove non c'è più spazio per rinascere dalla sconfitta.

    Leggi il resto...

  • “La ricchezza non è peccato” dice il ricco nuovo vate del risorgimento economico italiano nel salotto accondiscendente della tivvù, ma un eco si riverebera nelle incoscienze ammaliate dei suoi discepoli, “E’ più facile che un cammello…”

    IL RICCO, IL CAMMELLO E LA CRUNA DELL’AGO

    “La ricchezza non è peccato” dice il ricco nuovo vate del risorgimento economico italiano nel salotto accondiscendente della tivvù, ma un eco si riverebera nelle incoscienze ammaliate dei suoi discepoli, “E’ più facile che un cammello…”

    Leggi il resto...

  • Il suicidio assistito di Lucio Magri ha suscitato l’inevitabile sequela di reazioni, tentativi d’interpretazione, commenti più o meno composti ed opportuni. Inevitabile perché, a parte il dovuto dei lavoratori del mercato dell’informazione che non possono evadere la notizia, il tema del suicidio […]

    IL PULSANTE DI SHUTDOWN

    Il suicidio assistito di Lucio Magri ha suscitato l’inevitabile sequela di reazioni, tentativi d’interpretazione, commenti più o meno composti ed opportuni. Inevitabile perché, a parte il dovuto dei lavoratori del mercato dell’informazione che non possono evadere la notizia, il tema del suicidio […]

    Leggi il resto...